Una festa esagerata con Salemme a Chiasso

una-festa-esagerata-con-salemme-a-chiasso
0 613

La commedia partenopea inaugurerà il nuovo anno al Cinema Teatro di Chiasso. Mercoledì 3 gennaio, alle 20.30, la stagione riprenderà con Una festa esagerata! nuova pièce scritta, diretta e interpretata da Vincenzo Salemme. In scena ci saranno anche Nicola Acunzo, Vincenzo Borrino, Antonella Cioli, Sergio D’Auria, Teresa Del Vecchio, Antonio Guerriero, Giovanni Ribò, Mirea Flavia Stellato. Le scene sono firmate da Alessandro Chiti, i costumi sono di Francesca Romana Scudiero, le musiche di Antonio Boccia e le luci di Francesco Adinolfi. Ovviamente si tratterà di un appuntamento esilarante, grazie alla verve comica di Salemme, sempre molto apprezzata dal pubblico.

una-festa-esagerata-con-salemme-a-chiasso

L’attore e regista napoletano ha creato però uno spettacolo che sa divertire e anche strappare qualche riflessione, per una risata dolceamara che vuole anche mettere allo scoperto i punti deboli e i paradossi del nostro modo di vivere. In particolare, Una festa esagerata! mette sotto la lente di ingrandimento, come afferma lo stesso Salemme, «quella grande melassa / massa dalla quale provengo, quel blocco sociale che in Italia viene definito “piccola borghesia”». Si parla di questioni dolenti come ipocrisia, privilegi sociali usati come scudo, rispetto formale delle convenzioni per comodo o tornaconto. «Io – spiega ancora Salemme, nelle sue note – vedo la nostra enorme piccola borghesia come un grande condominio, fatto di vicini che si prestano lo zucchero, il termometro e si scambiano i saluti ma che, al contempo, sono pronti a tradirsi, abbandonarsi e, in qualche caso estremo, anche a condannarsi a vicenda». Il graffio satirico contro le nostre miserie e i vizi sociali non è certo una novità e sia il teatro che il cinema ci hanno abituati a sguardi impietosi sull’uomo comune, da Monicelli a Sordi, giusto per fare dei nomi. In questo caso, Vincenzo Salemme attualizza molto la situazione e ambienta la vicenda in piena attualità, nel momento storico cupo e complesso che stiamo vivendo. Questa situazione sembra fare da cassa di risonanza alle paure e alle finte certezze di ognuno di noi.

una-festa-esagerata-con-salemme-a-chiasso

La vicenda, da cui Salemme ha tratto anche un film, è ambientata a Napoli. Protagonista è un geometra e piccolo imprenditore edile sposato con una donna che ha ambizioni di migliorare la propria posizione sociale. La grande occasione sembra arrivare quando la figlia compie diciotto anni: la donna ha deciso infatti che per lei non baderà a spese e organizzerà un fastoso party sulla splendida terrazza del loro appartamento. Tutta la famiglia non sta più nella pelle e il protagonista, aiutato dall’amico portiere, asseconda ogni desiderio di moglie e figlia, nonostante le spese molto ingenti. Quando finalmente, arriva il giorno della festa, accade l’imponderabile: l’anziano signor Scamardella, unico abitante della casa al piano di sotto insieme alla figlia zitella, è morto. In questo frangente, sorge l’interrogativo e non si sa se continuare i festeggiamenti o no. Come fare per rendere ossequio al defunto e nello stesso tempo, non mancare all’obiettivo della promozione sociale della figlia neo diciottenne e dell’ambiziosa moglie?

una-festa-esagerata-con-salemme-a-chiasso

I biglietti per lo spettacolo costano 35 euro (platea) e 30 euro (galleria). Info e prenotazioni: 0041916950914/17, mail: cultura@chiasso.ch. Il sito è www.centroculturalechiasso.ch.

(Foto di scena di Federico Riva)

Lascia un commento