Padre e figlio con Bisio a Chiasso

padre-e-figlio-con-bisio-a-chiasso
0 350

È uno degli appuntamenti di maggiore richiamo, nella stagione del Cinema Teatro di Chiasso, quello in programma giovedì 14 e venerdì 15 dicembre, alle 20.30. Per la stagione della sala ticinese, va in scena Father and son, spettacolo incentrato su uno dei legami fondamentali della nostra vita affettiva. Di tutto il rispetto il cast, che nasce dalla finissima penna del giornalista e scrittore Michele Serra. Lo spunto è tratto dal suo Breviario comico e dal best seller Gli sdraiati (lo stesso libro di cui è stata realizzata la versione cinematografica, diretta da Francesca Archibugi, nei cinema in queste settimane). La regia dell’allestimento che vedremo a Chiasso è di Giorgio Gallione, per una produzione dell’Archivolto di Genova. Protagonista molto atteso sul palco di Chiasso sarà lui, Claudio Bisio. Il popolarissimo attore che, tra l’altro, anche su grande schermo, interpreta il ruolo del padre, nel film della Archibugi, sarà sul palco per raccontare il complesso e spesso non facile rapporto tra genitori e figli. Con il tondo dolceamaro che ci riporta alla prosa, sempre intensa, di Serra, la voce narrante ci parla di affetti, di generazioni ma soprattutto di un legame che subisce, fortissimi, i condizionamenti di un presente “liquido” che sembra non approdare a un futuro certo per i ragazzi.

Chi ha letto Gli sdraiati sa, infatti, che l’autore, attraverso le sue pagine, ci conduce in una meditazione sui concetti di educazione, libertà, responsabilità. Lo spettacolo è basato sulla struttura del monologo interiore, che Bisio ha già sperimentato con notevole fortuna (basti pensare, ad esempio, allo spettacolo Monsieur Malaussène tratto dai libri di Pennac). Attraverso la filigrana del rapporto familiare, è tutta la società a essere messa sotto esame, perché il padre e il figlio, nel loro legame, diventano cartine di tornasole di un mondo disorientato e disorientante, in cui l’illusione delle sicurezze tecnologiche ci isola e ci rende più esposti alle fragilità che ognuno porta dentro di sé. Da una parte abbiamo i padri, naturalmente invecchiati ma costretti (e forse anche incrollabilmente avvinghiati) ai propri ruoli sociali e lavorativi. Dall’altra parte i giovani, rassegnati, “sdraiati” appunto, impigriti, forse ma anche costantemente messi ai margini del mondo, ricchi solo di una ricchezza inutile e destinata a esaurirsi in breve tempo. Naturalmente, il testo di Serra e l’abilità istrionica di Bisio compiranno il “miracolo” di trasformare un tema scottante e certamente non positivo del nostro presente, in una disamina disincantata e anche divertente, capace anche di emozionare lo spettatore.

Biglietti a 35 euro (platea) e 30 euro (galleria) euro più diritti di prenotazione telefonica (2 euro). Info e prenotazioni: 0041916950914/17, mail cultura@chiasso.ch, www.centroculturalechiasso.ch.

Lascia un commento