Un doppio omaggio musicale per Maria Terraneo Fonticoli

0 755

Quest’anno, il ricordo che l’Associazione Carducci e la città di Como fanno di Maria Terraneo Fonticoli vale doppio. Anzi, il triplo. Due eventi e un triplo omaggio alla memoria della musicista, insegnante, giornalista legata per tutti i suoi lunghi anni di vita comasca all’istituto di viale Cavallotti a fianco di Franz Terraneo si terranno nelle sere di venerdì 4 e mercoledì 9 maggio al Salone Musa a ingresso libero: la sala da concerto del Carducci e della città ospiterà alle 20.30 (ingresso libero) due distinti concerti – particolarmente legati alla vita di Maria Terraneo Fonticoli e, in un certo senso, unici per la storia musicale comasca degli ultimi decenni – insieme alla presentazione del volume biografico Una vita di musica (NodoLibri).

Marco Bonetti e Guido Boselli

Il libro, che raccoglie le molte testimonianze di chi, come recita la prefazione, si è ritrovato «A voler mantenere vivo il ricordo di Maria e testimoniare le esperienze, i tratti di vita comune, gli apprendimenti, i confronti nati dall’incontro con una personalità fra le più ricche, sfaccettate e originali della storia musicale del secondo Novecento a Como» sarà presentato venerdì sera durante il concerto che vedrà protagonisti nomi di spicco del concertismo e della composizione, legati a Maria Fonticoli Terraneo come il violinista Cristiano Rossi accompagnato dai pianisti Emanuele Lo Porto e Marco Vincenzi, il duo del violoncellista Guido Boselli e del sassofonista Marco Bonetti, la pianista Adriana Mascoli. Rossi interpeterà musiche di Debussy e Sandro Fuga, maestro di Maria al Conservatorio di Torino, seguito da due prime esecuzioni assolute appositamente composte: MTF per sax e violoncello di Sonia Bo e Sonata neoclassica per pianoforte solo dell’australiana Diana Blom.

Emma Arizza

Mercoledì 9 si ricostituirà al Salone Musa l’Orchestra da camera Franz Terraneo, compagine che ha svolto a Como negli anni Ottanta e Novanta a partire da Como una attività concertistica di grande pregio. Ventiquattro elementi, fra cui membri storici dell’orchestra che hanno poi svolto carriere artistiche di grande pregio e giovanissimi a costituire nuova linfa generazionale, suoneranno Puccini (Crisantemi in versione orchestrale), Mozart (Concerto per violino e orchestra KV 216), Bach (cantata Weichet nur betreubte Schatten), Hindemith (Trauermusik). Solisti saranno la giovane violinista Emma Arizza, il soprano Jenny Campanella e il violoncellista Andrea Scacchi, mentre al posto di maestro concertatore tornerà a sedere il violinista Beppe Crosta.
Nel 1985 Beppe Crosta sottoponeva a Maria Fonticoli l’idea di ricordare il marito Franz Terraneo e suo maestro con una nuova orchestra da camera degna di formare fin dai primissimi anni di studio giovani musicisti. Carmignola, Rovaris, Ballista, Cassone, Canino furono tra i solisti che onorarono l’orchestra, attiva per oltre un decennio con il consenso entusiastico di pubblico e critica. Il ritorno dell’Orchestra da camera Franz Terraneo è possibile grazie all’Associazione Carducci, all’assessorato alla cultura del Comune di Como e al sostegno di privati in un connubio ricchissimo di significati e significanze.

Lascia un commento