Un concerto dedicato a Mozart per inaugurare il Festival di Bellagio

0 589

Una soirée d’anteprima al salone Reale del Grand Hotel Villa Serbelloni, giovedì 14 giugno, con l’orchestra regionale dei Pomeriggi Musicali di Milano, Quaranta appuntamenti di musica, cinema e teatro, da qui a settembre, con due orchestre, solisti, gruppi di musica d’insieme. I luoghi più suggestivi del Centro Lario, fra chiese, borghi antichi, ville, palazzi storici auditorium, ed anche – fra le novità della sua edizione 2018 – eventi en plein air fra i prati con il lago e i monti ca far da cornice. Il Festival di Bellagio e del lago di Como torna da venerdì 15 per l’ottava volta con la sua carica di suoni ed emozioni, pronto a invadere pacificamente ancora una volta l’estate lariana sotto la direzione di Rossella Spinosa.

Michele Spotti

Michele Spotti

L’invito a condividere l’evento inaugurale di presentazione, previsto alle 21 del 14 in Villa Serbelloni, è invito a festeggiare il secolo di vita di uno dei grand hotel più fascinosi d’Italia e a conoscere in anteprima l’intero cartellone del festival. I Pomeriggi, diretti dal giovane e brillante Michele Spotti, suoneranno tutto Mozart con l’Ouverture dal Mitridate re di Ponto KV 87 composta dal giovanissimo Wolfgang per il Regio di Milano, il celeberrimo Concerto per clarinetto KV 622 con solista Marco Giani e l’altrettanto universale Sinfonia n. 40 KV 550. «L’edizione 2018 segna un punto di svolta – annuncia Rossella Spinosa – La kermesse diviene puramente orchestrale, puntando sui grandi eventi, lasciando spazio agli appuntamenti cameristici nell’ambito di una serie di rassegne strettamente collegate alla nervatura principale del Festival, ma volte al contempo alla valorizzazione specifica dei territori».

Il Grand Hotel Villa Serbelloni di Bellagio

Due saranno le grandi orchestre “in residenza” al Festival di Bellagio 2018: I Pomeriggi e la Bellagio Festival Orchestra, protagoniste del cartellone portante e presenti attivamente nelle quattro le rassegne parallele a corollario della rassegna. Mozart e tanto Romanticismo, da Caikovskij ad Elgar, Beethoven, Grieg, Mendelssohn, Paganini, Rossini saranno sui leggii dei Pomeriggi, creatura giovane e vivace della rassegna, la propria attenzione ai repertori più originali, dal Barocco al Contemporaneo. Una vera e propria stagione orchestrale estiva, a specchio rispetto a quelle del teatro invernale, strutturata «su un percorso ponderato di turismo culturale, andando ben oltre dunque il puro intrattenimento musicale», come ricorda Rossella Spinosa.

Rossella Spinosa, pianista, direttore artistico del festival

Nurhan Arman, direttore musicale dell’Orchestra Sinfonica di Toronto, il giovanissimo talento violinistico Giuseppe Gibboni, il compositore coreano Jin Soo Kim di cui sarà eseguito, in prima assoluta, un lavoro su commissione della Bellagio Festival Orchestra e molti altri talenti, come la violinista Fatlinda Thaci, la tromba di Sergio Casesi, il fagotto di Lorenzo Lumachi sono i nomi solistici che il Festival di Bellagio e del Lago di Como sfoggia per il 2018. Il sito bellagiofestival.com è già a disposizione con tuti i particolari.
Stefano Lamon

Lascia un commento