Tutti in fila per Gué

tutti-in-fila-per-gue
0 367

Come da programma, ieri pomeriggio sobria apparizione di Cosimo Fini aka Gué Pequeno da Frigerio Dischi di Como. A poche ore dall’uscita dell’album Sinatra, con cui si autoconsacra saggio padrino anziano della scena rap italiana, l’artista inizia un lungo tour di instore per tutta italiana.

Ivo Frigerio scorta Gué Pequeno e Emi Lo Zio in via Garibaldi

Nella tracklist dell’album una strizzatina d’occhio al tornado trap che ha invaso costantemente le classifiche nel 2018, con featuring di Sfera Ebbasta (Borsello) e Capo Plaza (Trap phone), passando per l’indie rap col paladino it-pop Frah Quintale (2%) e arrivando all’hip hop nudo e crudo con Noyz Narcos (Bastardi senza gloria).

Attendendo Gué

C’è chi ne parla come “un inno all’esagerazione”, chi lo vede come il picco insperato di una carriera quasi ventennale. Poco ma sicuro, i numerosi fan in coda per ottenere foto e autografo prestano poco peso alle recensioni dei critici e si concentrano piuttosto sull’assorbire tutto quello che possono dall’incontro col loro idolo.

Tantissimi giovani hanno atteso per farsi autografare il disco

Racconta Manuel: «Sono in coda da 3 ore, ma questo è niente: per essere in prima fila al suo ultimo concerto mi sono accampato fuori dal locale con 12 ore di anticipo». Un boato quando, accompagnato da Emi Lo Zio, il Guercio compare in occhialini tondi Chanel e una maglietta tributo alla copertina di Vibe del 1996 che ritraeva gli allora re dell’hip hop a stelle e strisce, la cosiddetta Death Row, ovvero Snoop Dogg, Dr Dre, Tupac e Suge Knight. Nella rivisitazione, Guè è circondato dai produttori Dj Shablo e Charlie Charles, alla sua destra Sfera Ebbasta con la cui etichetta discografica Bhmg ha recentemente firmato, destando non poco scalpore : «Quando ho saputo che aveva iniziato a lavorare con Sfera avevo paura perdesse il suo stile – dice Ilaria – son contenta di essermi sbagliata».

La prima foto con il primo fan in prima fila

Tutti d’accordo sul suo fascino: «Dal vivo è ancora più figo che in foto – cinguetta Chiara – e sorride anche di più!».

Foto di Daniele Butti

Lascia un commento