Trammammuro, un video concerto per le Donne cancellate

trammammuro-un-video-concerto-per-le-donne-cancellate
0 329

La mostra Donne cancellate, allestita al Broletto fino al 18 novembre, è diventata un caso nazionale che ha interessato i media con la sua sconcertante raccola di fotografie che Gin Angri ha realizzato nell’archivio dell’ospedale psichiatrico San Martino di Como. A quarant’anni dall’entrata in vigore della legge Basaglia, riportare l’attenzione su quelle donne che sono state internate vittime di pregiudizi o di diagnosi affrettate e poi trattate con metodi ai confini con la tortura, psicologica e anche fisica, era fondamentale. La risposta del pubblico è stata eccezionale e fuori dagli schemi sono anche gli eventi collaterali.

Domenica 11 novembre alle 18 i Trammammuro proporranno il videoconcerto È impossibile dipingere una donna. Andrea Rosso (chitarra, video), Claudio Bonanomi (chitarra), Marco Lorenzini (oboe, armonica, voce), Pierangelo Galletti (basso) e Roberto Nedbal (percussioni) con la voce di Elisa Roncoroni invitano il pubblico «a entrare in un mondo sonoro sghembo e dolce, nel quale donne pazze, donne migranti, donne strane prendono forma e sapore e narrano le pieghe spesso sofferte delle loro esistente. Per citare alcuni brani Strisce di blu che racconta il cielo visto da una cella, Ero Maria che indaga i ricordi scossi dall’elettrochoc e Coi nostri naufraghi cuori che rievoca un epico viaggio, tra i continenti o forse tra gli sterminati meandri dell’anima». L’ingresso è libero.

Lascia un commento