Stef Burns, l’omaggio a Hendrix del chitarrista di Vasco

stef-burns-dalla-corte-di-vasco-a-cantu
0 1047

Per i veri fans di Vasco Rossi, quelli che non si perdono un concerto e conoscono ogni sfumatura dietro le note, lui è una specie di istituzione. Con la sua adorata e fedelissima Fender Stratocaster, ha dato colore e carattere a quasi tutti gli assoli di chitarra dall’album Nessun pericolo…. per te (1996) a oggi, anche se i più attenti possono ritrovarlo qua e là già ne Gli spari sopra del 1993.

Californiano, nato ad Oakland nel 1959, Stef Burns è uno degli artisti più quotati del panorama internazionale e la sua carriera è ricca di prestigiose collaborazioni, tra cui è impossibile non citare Sheila E, Berlin (quelli di Top gun), Narada Michael Walden, Michael Bolton, Y&T e Alice Cooper. Con quest’ultimo ha suonato dal 1991 al 1995, sia negli album Hey stoopid (1991) e The last temptation (1994) sia nei tour mondiali al fianco di Judas Priest, Motörhead, Ozzy Osborne, Megadeth e Faith No More. Ed è proprio dopo averlo ascoltato in studio e dal vivo che Vasco ha deciso di contattarlo, impressionato dalla sua potenza e dal suo sound, e ha fatto di lui una presenza fissa all’interno della sua formazione a partire da Rock sotto l’assedio, il famoso live del 1995 allo stadio San Siro di Milano. Ma Stef è anche un pregevole cantautore e vanta la pubblicazione di quattro album da solista, l’ultimo dei quali, Roots & wings, è un manifesto rock sincero e genuino, con pochi fronzoli e molto sentimento e contiene la ballad Home again, il nuovo singolo estratto dal disco, il cui videoclip è ambientato nel deserto californiano con suggestive immagini dirette da Andrea Jako Giacomini.

L’estate lo ha visto protagonista al Modena Park 2017, il concerto oceanico tenuto da Vasco Rossi per celebrare i suoi quarant’anni di carriera, e durante il You drive us wild, we’ll drive you crazy tour accanto ai “soliti noti” Claudio Gallo Golinelli (bassista di Vasco e della Steve Rogers Band) e Will Hunt (batterista degli Evanescence). Terminato il fortunato tour negli Stati Uniti e in Giappone insieme alla band Huey Lewis & the News (famose le loro The power of love e Back in time inserite nella colonna sonora del film Ritorno al futuro del 1985), nel mese di dicembre Burns è tornato in Italia per riprendere il suo The italian job tour iniziato in primavera, che lo ha portato a esibirsi nei principali club italiani.

Stef Burns (in alto a destra) con Huey Lewis & The News

Domenica 15 aprile, sul palco del Black Horse Pub di via Maestri Comacini 16 a Cermenate, proporrà un doveroso e sentito omaggio all’immenso talento di Jimi Hendrix. Al suo fianco, ci saranno Paola Zadra al basso e Ivano Zanotti alla batteria. Inizio concerto alle 22 circa, ingresso a 10 euro.

Lascia un commento