Sacchi e Grandesso al Balbianello per il Lake Como International Music Festival

0 764

La Villa del Balbianello è la cornice incantevole del nuovo appuntamento di Lake Como International Music Festival in programma alle 15.30 di domenica 29 aprile. Il mix sonoro intrigante delsa sax di Damiano Grandesso e dell’arpa della direttrice artistica della kermesse Floraleda Sacchi sarà il tocco magistrale per l’orecchio dell’occasione visiva di godere della splendida location gestita dal Fai. Il programma musicale del pomeriggio (che dà la possibilità di fruire del solo concerto a 10 euro, visita al giardino a 8 euro, giardino e villa a 13 euro, con agevolazioni per soci Amadeus e Fai) si annuncia nella tradizionale, variegata e di godibilità grande e raffinata tipica del festival con tocchi classici come l’Alessandro Marcello del Concerto n. 2 in re minore nella trascrizione di Johann Sebastian Bach BWV 974, echi d’oltreoceano con Ave Maria, Libertango e Oblivion di Astor Piazzolla e un restante repertorio crossover tutto da ascoltare fra colto e moderno, da Wojciech Kilar (Vocalise from the ninth gate) a Max Richter (Embers; On the nature of daylight), Alexandre Desplat (The meadow da Twilight; Lost blood da The danish girl), Philip Glass (Façades), Hans Zimmer (Dark knight).

inaugurazione-di-villa-balbianello

Villa del Balbianello

Grandesso ventottenne vicentino, è uno dei musicisti più interessanti della giovane generazione. Ha già suonato nelle più prestigiose sale di tutto il mondo: Musikverein Vienna, Taipei National Concert Hall, Citè de la Musique Paris, Concertgebouw Amsterdam. Membro del Milano Saxophone Quartet e dei FIive Sax, ha eseguito più di quaranta prime esecuzioni di compositori da tutto il mondo, in gran parte dedicate a lui. Ha registrato cd per Ars, Azzurra Music, Orlando Records.

Damiano Grandesso

Floraleda Sacchi è l’arpista comasca tra le più interessanti sulla scena internazionale. Ha venduto migliaia di dischi incidendo per Decca, Philips, Universal e Deutsche Grammophon i suoi repertori di vasta apertura, compresa la collana per Amadeus Arte dedicata a compositori che hanno scritto per lei e amici con cui ama suonare (Philip Glass, Michael Nyman, Peter Machajdik, Antonella Ruggiero). Curiosa e vivace, ama portare la sua musica in altre forme artistiche come il teatro, il cinema, la danza, l’elettronica. Ha composto le musiche di scena, che esegue dal vivo con Ottavia Piccolo, per il monologo Donna non rieducabile. Trasformato da RAI 2 in un film, è stato presentato alla 66° Biennale del Cinema di Venezia. Suona come solista in sale e festival quali Carnegie Hall-Weill Recital Hall e Palazzo delle Nazioni Unite (New York), Gewandhaus-Mendelssohn Saal (Lipsia), Konzerthaus-Kleiner Saal (Berlino), Sala Verdi (Milano), Gasteig (Monaco), CBC-Glenn Gould Studio (Toronto), River Concert Series (Washington), Società del Quartetto (Milano). Si è esibita come solista con numerose orchestre e con la Giovanile Italiana per il Concerto di Natale trasmesso su Raitre in mondovisione.

Lascia un commento