Ricordando Chuck Berry!

happy-birthday-chuck-berry
0 1202
Carmelo Genovese, rockin’

Carmelo Genovese

Non gli hanno assegnato un Nobel, ma nessuno gli toglie il Grammy alla carriera, la medaglia del Kennedy Center e il Polar Music Prize, quel riconoscimento svedese che, per certi versi, è il vero Premio Nobel della musica. A dodici mesi dalla scomparsa, Chuck Berry resta il più importante tra i padri fondatori del rock’n’roll (solo Little Richard e Jerry Lee Lewis sono ancora tra noi). Sabato 17 marzo si commemora, con un giorno d’anticipo, un anno senza di lui All’Unaetrentacinquecirca di via Papa Giovanni XXIII 7 a Cantù.

Chuck & Geno

Chuck & Geno

Sul palco Geno & His Rockin’ Dudes, per far rivivere la bellezza scintillante di canzoni come Maybellene, Memphis, Tennessee, Sweet little sixteen, Roll over Beethoven e, naturalmente, Johnny B. Goode, quello stesso classico che Carmelo Genovese ebbe l’onore di interpretare sul palco con l’autore, durante l’ultimo tour italiano di Berry. Genovese, in arte Geno B. Goode, è un sincero appassionato, autore di numerosi articoli, di approfondite pubblicazioni, ma anche leader, cantante e chitarrista di una band che schiera al suo fianco Fabio Pignatti (pianoforte), Tex Murky (basso) e Maurizio Bevilacqua (batteria). In repertorio tutti quei classici e altri brani che hanno imperversato negli anni Cinquanta lasciando un segno indelebile su tutta la musica successiva. Ingresso a 5 euro.

Lascia un commento