Récital di Longhi a Villa d’Este, omaggio ai grandi compositori

recital-di-longhi-a-villa-deste-omaggio-ai-grandi-compositori
0 437

A Chloris, la canzone che ha reso celebre il compositore franco – venezuelano Reynaldo Hahn, è il brano d’apertura e la cifra del récital che il baritono Federico Longhi terrà mercoledì 13 giugno nella Sala Regina del Grand Hotel Villa d’Este di Cernobbio per il Circolo Bellini. Un programma musicale assolutamente originale, che non mancherà di toccare i massimi compositori ospiti di Villa d’Este come Verdi e Tosti, ma spazierà originalmente anche a Debussy, Gounod fino alle Songs of travel di Ralph Vaughan Williams, farà la differenza del terzo appuntamento della rassegna numero 37 promossa dal Gruppo Culturale Artistico Vincenzo Bellini di Moltrasio, che gode da sempre del supporto di Villa d’Este e, quest’anno, del sostegno di Cassa Lombarda. Per me giunto e il dì supremo e Oh Carlo ascolta dal Don Carlo saranno le pagine verdiane che Longhi, accompagnato al pianoforte da Aldo Tarchetti, accosterà a Malia, Ideale, ‘A vucchella e Chitarra abruzzese nella parte italiana del suo recital. Alla Francia il baritono dedicherà la Romance di Debussy e Où voulez-vous aller di Gounod, con Hahn – amico di Proust, allievo di Massenet, Gounod e Saint-Saëns, di origini venezuelane – a far da citazione del Nuovo Continente. L’omaggio all’Inghilterrà sarà con The vagabond e The roadside fire di Vaughan Williams.

Longhi ha vinto numerosi concorsi internazionali debuttando nel 1995 con il ruolo di Figaro nel Barbiere rossiniano. Ha calcato le scene di palcoscenici quali Arena di Verona, Regio di Torino, San Carlo di Napoli, Massimo di Palermo, Maggio Musicale Fiorentino, Comunale di Bologna in svariati ruoli accanto a celebrità internazionali, con la direzione di direttori e registi di fama internazionale. Nel 2000 ha partecipato alla produzione dell’opera Tosca, prodotta e trasmessa da Raidue. In ambito cameristico possiede un vasto repertorio di musica francese e italiana.

Tarchetti ha studiato pianoforte sotto la guida di Lina Marzotto Volpi e direzione d’orchestra con Piero Bellugi, Bruno Bartoletti e Franco Ferrara. è stato Maestro Collaboratore al Teatro alla Scala di Milano, durante la direzione artistica e musicale di Claudio Abbado, al Teatro La Fenice di Venezia, all’Opera di Roma, al Teatro Liceu di Barcellona. è stato inoltre assistente alla direzione stabile presso il Verdi di Trieste e direttore musicale di palcoscenico al Teatro Regio di Torino, nonchè per circa vent’anni all’Arena Sferisterio di Macerata. Nel 1982 ha debuttato come direttore d’orchestra, carriera che lo ha portato a esibirsi in numerosi teatri in Italia, Europa e Sud America. Ha diretto ed accompagnato al pianoforte alcuni fra i più importanti nomi della lirica mondiale: Caballé, Anderson, Serra, Cappuccilli, Pavarotti, Pons Ricciarelli.
L’ingresso al récital è libero per i soci del Circolo Bellini: per informazioni rispondono i numeri 3898855055 e 3383287517, dalle 15 alle 17.

Lascia un commento