Jazz in Officina con il quartetto di Lavizzari

0 1827

Il fascino dell’essenzialità del quartetto jazz è difficilmente superabile. Un fiato e una sezione ritmica con un pianoforte, un contrabbasso, una batteria sul palco dell’Officina della Musica di via Giulini 14 giovedì 20 dicembre alle 21. La tastiera è quella accarezzata da Bruno Lavizzari. Ha iniziato lo studio dello strumento fin da giovanissimo: è partito dalla musica classica, ma è stato ben presto sedotto dalla strada parallela del jazz. E non solo: tra le sue esperienze professionali va ricordata la collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano per due stagioni con una tournée europea dell’opera di Bertolt Brecht L’eccezione e la regola, per la regia di Giorgio Strehler. Ha collaborato anche con musicisti importanti come Tony Scott, Sergio Fanni, Paolo Tomelleri, Gianni Bedori, Anna Bakia e molti altri. Lavizzari è anche insegnante di pianoforte, armonia, improvvisazione jazzistica e musica d’insieme in varie scuole di musica dell’area milanese.

La formazione è completata da Roberto Quadroni al sax, Mario Preda al contrabbasso, che porta in dote anche la sua esperienza come chitarrista per una successione di linee in bilico tra la ritmica e il solo, e Marco Porritiello alla batteria e, vista la vicinanza con il Natale, in repertorio non mancheranno adattamenti di brani stagionali tra i più celebri.

Lascia un commento