James Maddock, il grande ritorno a Cantù

james-maddock-il-grande-ritorno-a-cantu
0 493

Save the date, dicono gli anglofoni, davanti ad un appuntamento che merita di essere ricordato. Questo è sicuramente valido per tutti coloro che, lunedì 26 marzo, dalle 21.30 circa, parteciperanno ad un concerto davvero speciale, in programma nello storico locale All’Unaetrentacinquecirca di via Papa Giovanni XXIII a Cantù. Saranno certamente in molti, visto l’entusiasmo, il fermento e la trepidazione che l’evento ha creato intorno a sé, ma l’artista in questione merita realmente tutta questa attenzione, quindi non c’è da stupirsi.

All’anagrafe, lui è James Michael Alexander Maddock, nato a Leicester nel 1962, britannico nel sangue e cantautore per destino, un revolutionary performer, com’è stato definito dalla stampa internazionale. La sua carriera è iniziata relativamente tardi, ma da subito ha raggiunto traguardi piuttosto importanti: nel 1999 ha scritto, insieme alla sua band, i Wood, il suo primo album, intitolato Songs from Stamford Hill, che contiene due brani piuttosto famosi: Never a day, che apre la colonna sonora del film Serendipity – Quando l’amore è magia e Stay you, incluso nella colonna sonora della serie televisiva Dawson’s Creek. Dopo il suo trasferimento a New York, avvenuto nel 2003, Maddock, profondamente influenzato dalle sonorità tipicamente springsteeniane, ha intrapreso la strada del songwriting, che lo ha portato ad ottenere grandi successi e preziosi riconoscimenti. Il suo album del 2009, Sunrise on avenue C, infatti, ha vinto un New York Music Award come Best Americana album, mentre il successivo, Wake up and dream, si è classificato tra i migliori album del 2011 nel sondaggio del Wfuv (NYC).

Alex Valle

Risultati immagini per Insanity vs. humanityNel settembre dello scorso anno, l’artista inglese ha pubblicato, per Appaloosa Records, un nuovo disco dal titolo Insanity vs. humanity, un concentrato di puro rock che lunedì sera proporrà al pubblico del club canturino, insieme ai grandi successi che lo hanno reso celebre e amato. Ad accompagnarlo, una band d’eccezione, formata da musicisti dal curriculum straordinario, a partire da Guido Guglielminetti, bassista, compositore (è sua la parte musicale di Un’emozione da poco, scritta da Ivano Fossati e portata al successo da Anna Oxa), arrangiatore e discografico, nonché collaboratore di Lucio Battisti, Umberto Tozzi, Luigi Grechi, Mia Martini e, tuttora, di Francesco De Gregori, della cui band fa parte anche il polistrumentista Alex Valle, che qui ricoprirà il ruolo di chitarrista. Il ruolo di motore ritmico sarà affidato al batterista e percussionista Massimiliano Max Malavasi, già musicista di Davide Van de Sfroos, Bocephus King, Greg Trooper e Dona Flòr, che affianca all’intensa attività live quella didattica, rivolta ad allievi di tutte le età, con una particolare attenzione nei confronti della disabilità.

Biglietti a 20 euro. Posti a sedere prenotabili esauriti, pochissimi i posti in piedi ancora disponibili. Infoline: 3457972809.

Lascia un commento