Il colore del violino a Villa Carlotta con Beikircher

il-colore-del-violino-a-villa-carlotta
0 397

Luminoso, chiaro, scintillante. Oppure caldo, romantico, intenso: ma sempre acuto e penetrante. Il colore del violino tinge le sale di Villa Carlotta come nuovo appuntamento della locandina di Lake Como International Music Festival in Tremezzina. Venerdì 17 agosto alle 17.30, sullo sfondo perlaceo della Sala dei Marmi, Alban Beikircher imbraccerà il suo violino di Martin Schleske (fra i più noti e singolari liutai e studiosi tedeschi degli ultimi decenni) per partire dalle tinte classiche della  Sonata in sol maggiore KV 310 di Mozart; dall’equilibrio settecentesco il violinista di Brunico passerà ai colori caldi dell’Ottocento romantico con la Romanza op. 28 di Gabriel Fauré e i tre movimenti della Terza sonata in do minore op. 45 di Eduard Grieg, che introdurrà le sfumature tipiche dei paesi freddi europei. I colori della Vienna brillante e virtuosistica ma anche decadente fra Otto e Novecento di Fritz Kreisler chiuderanno il concerto sulle melodie di Schön Rosmarin, Liebesleid e Liebesfreud.

Altoatesino o sudtirolese che dir si voglia, Beikircher ha scelto di studiare a Saarbrücken, per poi perfezionarsi con Yfrah Neaman, allievo di Carl Flesch, alla Guildhall School of Music and Drama di Londra. Partendo da membro del programma di scambi tedesco-israeliani “Young Leaders Exchange” dalla Bertelsmann-Stiftung, ha poi suonato in tutto il mondo, riconosciuto come versatile recitalista, camerista duttile con artisti di diverse provenienze: Senka Brankovic, Antony Spiri, Daniel Müller-Schott, Alfredo Perl, Stefan Tönz, Mirijam Contzen e Stefan Bleicher e come spalla del quartetto d’archi Korngold da lui formato nel 2006. L’interesse di Beikircher per la musica contemporanea lo ha portato ad proporre in prima esecuzione mondiale brani di Ernst Krenek, Wilfred Hiller, Peter Michael Hamel e Klause Hahagen. Per Sony ha inciso le sonate per violino di Gabriel Fauré: più recente l’apprezzata registrazione per Ars con musiche di Grieg.

Villa Carlotta

Ad accompagnare al pianoforte Beikircher a Villa Carlotta sarà l’aretino Matteo Andreini, musicista eclettico con un’importante carriera internazionale che lo ha portato a suonare in tutta Italia ed Europa. Negli anni 2009 – 2011 Andreini ha effettuato una serie di concerti e masterclass su invito di prestigiose Università degli Stati Uniti. È stato inoltre collaboratore pianistico presso l’Issm Franci di Siena e del Conservatorio Monteverdi di Bolzano. Attualmente insegna pianoforte all’Istituto Musicale Giannetti di Grosseto ed è direttore artistico dell’Orchestra Guido d’Arezzo.
Il biglietto a 15 euro, disponibile per l’acquisto al botteghino di Villa Carlotta e in rete al sito lakecomofestival.com, dà diritto ad assistere al concerto e visitare mostra, museo e giardini di Villa Carlotta.

Lascia un commento