Grand International Piano Festival Lake Como a Gravedona

grand-international-piano-festival-lake-como-a-gravedona
0 628

Come l’Araba Fenice. I tre concerti pianistici del Grand International Piano Festival Lake Como che iniziano venerdì 3 agosto a Palazzo Gallio di Gravedona sono ben più di una delle rassegne musicali estive lariane. Il Lago di Como è fatto di attrazioni musicali particolari che il destino vuole a rinnovarsi nel tempo, sempre nuove e sempre uguali. Dopo Liszt, Clara Schumann e Brahms, il Lario è stato attrazione e fonte di ispirazione per una schiera innumerevole di grandi didatti e altrettante giovani promesse fiorite sulle sue rive: negli anni Trenta del secolo scorso, Artur Schnabel scelse la Tremezzina come luogo d’elezione per corsi di perfezionamento ripetuti per molte estati fra le due guerre mondiali, orme ricalcate mezzo secolo dopo da un nipote d’arte particolarissimo come William Grant Naboré (nella foto in alto). Il fondatore dell’International Piano Foundation che, a Cadenabbia, nell’ultimo quarto di secolo ha forgiato una generazione di geni del concertismo pianistico internazionale torna con la sua International Piano Academy Lake Como, proponendo tre concerti di promesse internazionali, preludio di un evento imperdibile promesso per il mese di settembre.


Venerdì 3, martedì 7 e sabato 11 agosto, cinque pianisti della nuova scuderia della Piano Academy Lake Como saranno alla tastiera per condividere con il pubblico i risultati della Summer Piano School 2018 in corso da domenica scorsa a Palazzo del Vescovo. Ad aprire la mini rassegna saranno la tedesca Josephina Lucke e lo statunitense Armen Sarkisian, che si alterneranno con musica di Schumann, Ciaikovskij, Debussy, Chopin e Liszt. Martedì 7 toccherà a due rivelazioni provenienti dall’immensa e nuova fucina di esecutori della tastiera che è la Cina: Qi Qi e Tianju Liao suoneranno Beethoven, Debussy, Schumann e Mendelssohn. L’11 agosto a chiudere sarà, con un intero récital, Enrico Pompili, che spazierà da Beethoven a Ravel e Busoni passando per Schubert, Debussy e Scriabin. Il tutto, in attesa del grande evento che l’Accademia internazionale del pianoforte sul Lago di Como sta completando per affermare il proprio rilancio. Dal 4 al 17 settembre, alcuni fra i più grandi nomi forgiati da William Grant Naborè e dalla schiera di grandi maestri che negli anni ha fatto grande l’accademia hanno accettato di suonare alla Chiesa Anglicana di Griante per riaffermare la grande storia formativa d’eccellenza sul nostro lago. Una storia che William Grant Naborè vivifica collegando il suo personale incontro fra Carlo Zecchi (che di Schnabel e Busoni era stato fra i più grandi eredi) e l’ormai lunga schiera folta di giovani promesse assolute del pianismo internazionale agli echi più intensi della storia cresciuta fra le rive di Bellagio e la Tremezzina.
A ciascuno dei tre concerti di agosto si assiste con biglietto a 15 – 10 euro.

 

Lascia un commento