Gabriele Mancuso presenta Le mie catene

gabriele-mancuso-presenta-le-mie-catene
0 515

Dopo il release party di novembre all’Arlecchino di Vedano Olona – che ha registrato il sold out –  sabato 17 febbraio Gabriele Mancuso sarà nuovamente in concerto con la sua band al Be-Bop di via Paoli 49 a Como per la presentazione del nuovo disco Le mie catene. Si tratta del primo lavoro in studio del nuovo progetto solista del cantautore, il quale  gode di un già foltissimo gruppo di fan che lo seguono dai tempi della sua prima band, i Kimera.

Le mie catene – album dal sound oscuro e d’impatto come lo stato d’animo di Mancuso durante la scrittura – «rappresenta un insieme di racconti, una serie di storie realmente accadute e narrate sotto forma di canzone. Sono felice di poterlo suonare dal vivo insieme a dei musicisti incredibili che mi hanno accompagnato anche durante la registrazione dell’album. Suonare per me è una medicina, un modo per stare meglio o per stare peggio… perché a volte è nella sofferenza che arrivi a trovare la luce che stavi cercando», racconta Gabriele. Storie, quelle narrate, vere e potenti, comuni e condivisibili: dolori e difficoltà quotidiane da un lato e amori  e  gioia dall’altro.

(Amore che non passa, primo singolo estratto dall’album)

Mancuso è nato a Cantù nel maggio del 1985 e vive di musica, insegnandola e scrivendola. La sua carriera artistica inizia con un progetto solista in acustico e si evolve nella rock band Kimera, con la quale Gabriele pubblica due dischi, Adesso più che mai (2007) e Solo se lo vuoi (2013), ai quali seguono due massicci tour in giro per il Nord Italia. Dopo una terza tournée che li porta fino in Sardegna, Gabriele decide di prendersi una pausa dalla band per dedicarsi nuovamente a un progetto solista. Inizia a scrivere nuovi brani e di getto, in una sola settimana, registra l’EP Le mie catene, presso lo Spun Studio di Stefano Santi. Brani intensi e oscuri, nati dall’esigenza personale di raccontare storie vere, spesso cupe e dolorose, altre volte cariche di gioia e felicità.

Lascia un commento