Floraleda Sacchi presenta #Darklight

0 639

In attesa dell’inizio della nuova stagione concertistica, prende il via giovedì 8 febbraio una serie di quattro appuntamenti musicali organizzati dal Lake Como Festival e dall’Associazione culturale Amadeus Arte, in collaborazione con ParoLario, Officinacento5, CiaoComo Radio, La Provincia e BiBazz. Il primo si terrà all’interno della mostra di Luigi Pellanda, allestita alla Mag – Marsiglione Art Gallery di via Vitani 31 a Como alle 18.30 e vedrà protagonista Floraleda Sacchi, arpista comasca di fama internazionale. Raffinata ed eclettica, l’artista si racconterà al giornalista Alessio Brunialti, che presenterà tutte le serate, e proporrà brani tratti dalla sua ultima fatica discografica dal titolo #Darklight, edita da Amadeus Arte e distribuita sul mercato internazionale da Naxos USA.

L’album, uscito il 5 maggio scorso, contiene colonne sonore e brani di musica contemporanea, interamente composti ed interpretati dalla Sacchi con arpa ed elettronica, un progetto originale che ha in poco tempo scalato la classifica italiana di musica classica, ed ha, allo stesso modo, ottenuto eccellenti risultati negli USA, Germania, Olanda e Francia. «Ho iniziato a sperimentare questo tipo di suggestione sonora nel 2014 – racconta Floraleda – e l’anno scorso ho realizzato questo disco. Il mio uso dell’elettronica è una forma di ampliamento dello strumento, che permette di avere a disposizione una maggiore varietà di suoni e colori, e non un suo stravolgimento. È come suonare un’arpa alla potenza. Trovo affascinante tutto questo, perché più le soluzioni sono minimali, pulite e semplici più sono frutto di un intenso studio e di un lavoro lungo e certosino».

#Darklight, nel suo formato fisico, è affiancato da un libro di 72 pagine, con testi in italiano e inglese e la prefazione a cura del giornalista e musicologo Angelo Foletto, che contiene idee, suggerimenti e riflessioni per riscoprire ogni giorno il piacere della musica. «Sono sempre molto contenta di suonare nella mia città – ha aggiunto – e, con gli organizzatori del festival, non vedevamo l’ora di preparare questi appuntamenti, perché la stagione di solito inizia più avanti. Amadeus Arte è anche un’etichetta indipendente di giovani compositori e opere prime e l’anno scorso ha prodotto quattro dischi, tra cui il mio, quindi si è pensato di costruire occasioni in cui gli artisti potessero farsi conoscere dal pubblico, sia attraverso la musica che attraverso le loro parole. Gli spazi scelti sono, a mio parere, perfetti per concerti di questo tipo e si tratterà, soprattutto, di momenti di festa e di incontro».

Il secondo appuntamento si terrà martedì 20 febbraio presso L’Officinacento5 di viale Lecco 105, con Onironautiche di Sara Calvanelli, proposto in versione live dalla musicista (voce, fisarmonica e loop station), accompagnata da Luigi Lo Curzio (contrabbasso e voce). Il disco, registrato in acustico, vanta inoltre numerosi ospiti di eccezione: oltre a Floraleda Sacchi, si possono riconoscere gli interventi di Eloisa Manera, Giovanni Sollima, Danila Massimi e Giancarlo Parisi. Mercoledì 7 marzo, sempre all’Officinacento5, il compositore, direttore d’orchestra e direttore musicale del festival Maskfest di musica contemporanea Massimiliano Messieri presenterà, insieme a Nicola Baroni, l’album Zadig, composto da 21 Capricci per violoncello solo e ipercello (un violoncello amplificato ed elaborato con un’applicazione speciale), completato da un libretto esteso e dalle “note poetiche” di Marcello Fois. La rassegna si chiuderà martedì 20 marzo, al Marsiglione Art Gallery, dove, tra le opere dell’artista Tomosuke Nakayama, il giovane compositore Giuseppe D’Angelo, affiancato da Roberta Nobile al flauto, racconterà il suo debutto discografico Percorsi, che raccoglie il meglio della sua decennale produzione artistica.

Tutti gli eventi inizieranno alle ore 18.30 con un aperitivo, a cui seguirà il concerto. Ingresso gratuito.

(Foto di Grazia Lissi)

Lascia un commento