Debussy, Satie e Fauré aprono la Sinfonica di Cantù

0 251

Efebi, fauni e principesse popolano di musica il Teatro San Teodoro di Cantù. È dedicato alle “impossibili passioni” dei personaggi fantastici musicati da Claude Debussy, Erik Satie e Gabriel Fauré il concerto inaugurale dell’ottava Stagione musicale dell’Accademia Orchestrale del Lario, che corrisponde al compimento della maggiore età della compagine fondata e diretta da Pierangelo Gelmini. Alle 21 di sabato 20 ottobre gli strumentisti della Sinfonica del Lario evocheranno con una gamma variegata di colori sonori le passioni impossibili contenute nel Prélude à l’après-midi d’un faune di Debussy, nelle Gymnopédies di Erik Satie – riferite alle danze degli antichi efebi spartani – e nei quattro movimenti della grande suite orchestrale sul Pelléas et Mélisande di Gabriel Fauré: un omaggio al simbolismo musicale della musica francese a cavallo fra Otto e Novecento, con la figura di Debussy a primeggiare nel centenario dalla scomparsa del compositore, imperdibile per il pubblico canturino.
Come per la scorsa edizione, in occasione di ogni concerto il pubblico potrà scattare foto a tutto ciò che sta intorno al concerto, concorrendo ad aggiudicarsi con l’immagine giudicata migliore un abbonamento alla prossima stagione. Ingresso a 10/5 euro; abbonamenti disponibili al botteghino e al sito teatrosanteodoro.it.

Lascia un commento