Centesimi. Pensieri dell’elemosina allo Spazio Gloria

0 194

ecoinformazioni, dopo la manifestazione E questo è un fiore, nell’ambito delle iniziative per la Giornata mondiale dei Dirtti umani, invita sabato 9 dicembre alle 17.30 allo Spazio Gloria in via Varesina 72 a Como a Centesimi. Pensieri dell’elemosina, il video concerto per «l’informazione con le spine», dedicato questa volta al mondo dei poveri. Un altro mondo, molto più grande del nostro, in cui l’elemosina – per noi un trascurabile gesto quotidiano – ha un ruolo estremamente importante. Una storia che è comune a tutte le società e a tutte le religioni del pianeta e che riguarda non solo i sentimenti, i comportamenti e gli stati d’animo di chi riceve e di chi dà ma costringe a riflettere sul deserto di umanità provocato dalla disuguaglianza. 

Il gruppo Trammamuro (questa volta anche con la voce di Elisa Roncoroni) racconta l’atteggiamento di chi fa l’elemosina nelle nostre strade: paure, diffidenze, autoassoluzioni, pregiudizi in buona e in cattiva fede. Una particolare forma di malessere urbano, che ha finito per sviluppare logiche e modi di sfruttamento indegni, alimentando l’intricata controversia tra il rifiuto (progressisti sinceri, liberisti puri, razzisti spaventati), e la donazione (credenti e ipocriti, solidali e rassegnati). Le musiche e le letture di questa prima parte sono accompagnate dalle fotografie di Gin Angri. Trammammuro è formato da Claudio Bonanomi (chitarra), Pierangelo Galletti (basso), Marco Lorenzini (oboe, armonica, voce), Roberto Nedbal (percussioni), Andrea Rosso (chitarra, testi video).

Ivano Greppi

Anche i suonatori di strada chiedono l’elemosina, ma loro, a differenza dei mendicanti, ricambiano il dono. Nel programma Ivano Greppi e Matteo Dominioni presentano la voce “amaramente umana” del più proletario e zingaresco degli strumenti da strada: la fisarmonica, accompagnati da un reportage fotografico di Andrea Rosso sui musicisti di strada di Como. Il concerto prosegue con A rovinarmi la primavera, una canzone dedicata a una donna che abbiamo sicuramente incontrato per le strade di Como e alla quale abbiamo dato i centesimi che ci avanzavano. La canta un cantautore stralunato e ultrasensibile: Paolo Fan.

Flavio Minardo al sitar

A conclusione della serata due protagonisti della scena musicale comasca e non solo, Maurizio Aliffi e Flavio Minardo, offriranno il loro Omaggio a una musica zingara. Ingresso libero. Chi si assocerà a Arci – ecoinformazioni riceverà in omaggio il numero 600 di ecorinformazioni, il calendario Otium, una piantina di cactus, simbolo dell’informazione con le spine.

Lascia un commento