All’improvviso… note in Villa Calvi con Simone Porro

allimprovviso-simone-porro-musica-in-acciaieria
0 2927

Una performance unica in un luogo speciale per dare spazio alle composizioni di un giovane autore dalle idee già molto chiare. Simone Porro, canturino, pianista, è anche tastierista dei Mstr, band di dance pop di buon successo.

Ma da solo propone altre note, più ariose, spaziali, elementi di composizioni dove le melodie si susseguono contribuendo a creare un’atmosfera di indubbio fascino e di grande forza espressiva. Naturalmente, in una performance, l’ambiente circostante riveste un ruolo fondamentale.

Porro ha già proposto All’improvviso all’interno delle officine Pifferi & Alpi di Cantù, uno spazio industriale certo non nuovo agli spettacoli.

E non si trattava di un pretesto: i macchinari hanno giocato un ruolo cruciale, sposandosi alle note del pianoforte e delle tastiere, ma anche alle basi elettroniche impreziosite, in certi casi, da suoni d’ambiente, in un’ideale punto d’incontro tra la musica concreta e la new age.

Ma le composizioni erano anche ideale colonna sonora per le installazioni luminose dello scultore astratto Davide Costacurta e per le proiezioni curate da Ivan Costacurta.

Visioni spaziali che hanno catturato la vista dei numerosi presenti a un evento allestito da Roberto e Giulia Bianchi e incorniciato dalle parole di Luisa Azzerboni.

Il Maggio della grande musica a Cantù ha voluto che Porro ripetesse quella magica serata alla Corte San Rocco. Ora è stata la Nuova Scuola di Musica di Cantù a selezionare Porro per suoi Salotti Musicali, alle 21 di venerdì 23 marzo in Villa Calvi. Alla performance si aggiungeranno anche gli interventi estemporanei del Corpo attoriale del Teatro Artigiano di Cantù. Per chi c’era un’ottima occasione per ripetere l’esperienza, per chi non c’era un appuntamento tutto da scoprire.

(Fotografie di Ivan Costacurta)

Lascia un commento