15 anni di 7Grani: un concerto – evento

giorni-come-nuvole-il-nuovo-7grani
0 534

Una delle più longeve band comasche, quella dei 7grani, festeggerà 15 anni di musica con un concerto sabato 3 marzo allo Spazio Gloria di via Varesina 72 a Como. I nostri primi 15 anni, titola il cartellone, vedrà sfilare sul palco, insieme ai tre fratelli Settegrani, Fabrizio, Flavio e Mauro, molti dei collaboratori con i quali il trio si è confrontato dalla sua fondazione fin a oggi, attraversando momenti singolari e realizzando progetti che sulla carta sembravano impossibili. Lo spettacolo, inizio alle 21, ingresso a 7 euro, prevede l’intervento dell’associazione umanitaria Como Senza Frontiere.

i-7grani-festeggiano-la-liberazione-a-lanzo

I tre fratelli Settegrani: Fabrizio, Flavio e Mauro

«Se ripenso a come tutto è iniziato – racconta Fabrizio Settegrani – sembra impossibile essere arrivati fino a qui attraversando tutte le cose straordinarie che ci sono capitate lungo il percorso. Noi venivamo da progetti precedenti, suonavamo hard rock in italiano. Nel 2003 la svolta che covava già da tempo. Entrammo in contatto con Flavio Premoli, ex componente della Pfm, allora direttore artistico del Teatro Apollonio di Varese, ci commissionò una canzone che fosse una sorta di sigla per la loro stagione. Pensando al teatro mi venne in mente di scrivere Parapapà, con una vena folk rock che non avevamo mai immaginato in precedenza. Il pezzo piacque e fu come una molla che ci liberò da certi cliché. Ci invitarono a registrarlo nello studio di Ivan Ciccarelli che poi produsse i nostri dischi successivi».

Il percorso del gruppo inizio a prendere un direzione più definita liberando la creatività di Mauro, il chitarrista, e facendo fiorire anche una certa dose di ironia nei testi. «In seguito pubblicammo il nostro primo vero album, A spasso coi tempi – prosegue il cantante della formazione di Bizzarone – dando risalto a un vecchio brano riarrangiato: Cuori metropolitani, e iniziando una fitta attività live». Alle soglie del nuovo millennio i 7grani si muovono in maniera autonoma, aiutati dall’intraprendenza del padre Gaetano, che in economia e con la genuinità delle buone cose fatte in casa, riveste il ruolo di ufficio stampa, promoter e manager. Ma i risultati arrivano, e anche in maniera sorprendente. «Utilizzando la rete, allora in maniera quasi inconsapevole – svela Fabrizio – riuscimmo a farci sentire fuori dall’Italia. Una Radio universitaria di Portland programmò a lungo la nostra Universo fragile, più tardi incontrammo perfino il sindaco della città. La notizia fu ripresa dai giornali italiani e perfino la Sony si interessò a noi».

ragazza-di-nanchino-lavventura-cinese-dei-7grani-al-gloria

L’avventura cinese per Ragazza di Nanchino

Il gruppo ha poi pubblicato altri tre album: Di giorno e di notte, Neve diventeremo (disco legato al Giorno della Memoria e a un progetto didattico che ancora oggi viene presentato nelle scuole della provincia e non solo) e Giorni come nuvole, ed è stato invitato a suonare in Cina dopo aver scritto Ragazza di Nanchino, in memoria di una tragica vicenda storica legata alla guerra sino – giapponese. «Sarà una serata piena di ospiti e amici – conclude Settegrani – Vorremmo dedicare il concerto ad Alessio Russo, il nostro batterista scomparso improvvisamente 4 anni fa». Sul palco con la band Walter Maffei, Davide Laura, Baule Dei Suoni, Pauline Fazzioli, Luca De Alberti, Max Malavasi, Walking Ears, Francesco Amico, Mirko Chighine, Simone Peduzzi, Massimo Laura, Germano Lanzoni, Alessandra Alvaro, Ottavo Richter, Le Sballerine, Massimo Scoca e Gigi Miglio.

Lascia un commento