Concorso città di Cantù: ecco i semifinalisti

0 641

Eleganti ed emozionatissimi. Hanno sfilato così, uno dopo l’altro, i ragazzi protagonisti della ventottesima edizione del concorso internazionale per pianoforte e orchestra Città di Cantù. Si sono avvicendati allo strumento, accompagnati da un maestro pianista, per esibirsi davanti a una ristrettissima giuria durante la prima fase eliminatoria conclusasi lunedì 30 aprile e, guardando le loro espressioni, è stato impossibile non lasciarsi coinvolgere dal loro trasporto e dall’entusiasmo. Una sorta di esperienza spirituale, come quella che, da diversi anni, racconta di vivere Roberto Castelli, pianista dilettante e grande appassionato di musica, che non si limita ad ascoltare le esecuzioni, ma vi assiste con attenzione, spartiti alla mano. «Seguo questo concorso interamente da quattordici edizioni, prendendo addirittura qualche giorno di ferie per non perderne nemmeno un minuto. I concorrenti in gara quest’anno sono molto preparati, soprattutto gli italiani, posso dire di avere già i miei preferiti e di aver stilato una classifica personale. Quello che mi affascina di più nei pianisti sta nella loro interpretazione del brano, più che nella tecnica, mi colpiscono di più la personalità e la capacità di dare emozioni piuttosto che i virtuosismi in sé per sé. Dal mio punto di vista, se c’è cuore anche un errore può essere perdonato». Ma come in ogni concorso deve essere fatta una selezione. Ecco i nomi dei pianisti ammessi ai quarti di finale che si svolgeranno il 2 e il 3 maggio.

Lascia un commento