Martedì 9 ottobre

La settimana InCom
0 1041

JOHN WINSTON (ONO) LENNON DAY

Buongiorno,
è sempre un momento di grande commozione, per me, quando arrivano i nuovi rendering del lungolago. Quanti ne avremo visti in dieci anni? Riuscite a distinguerli? Questi sono metafisici, assolati, tersi, un po’ De Chirico e un po’ Antonioni. Ve ne sottopongo tre (qui trovate gli altri). Nel primo

si vede un Lario di un blu che non si vedeva da secoli e il lungolago appare come una lisca bianca (a proposito di Antonioni: ricordate di certo Le amiche e… oh, niente), candida, pura, da percorrere tutto d’un fiato anche perché non si vede uno straccio di panchina che sia una. Nel secondo c’è questa vista da piazza Cavour

dove spiccano i tondoni delle fontane spenti e appoggiati all’erba con una casualità studiatissima e l’assenza totale di automobili, forse prevedendo quell’auspicata chiusura al traffico, capace di creare ingorghi da Grandate, da Menaggio, da Bellagio, financo da Melide. Si vede una palafitta aperta ai venti che potrebbe essere la biglietteria, ma forse è una banalissima idea mia, giusto perché già stava lì ed era proprio giusto abbatterla per fare spazio a questa struttura minimale e rigorosa. Infine eccolo, il lungolago propriamente detto, disegnato dal maestro ferrarese.

È un’unione di diverse solitudini. Se vedete solo Nino D’Angelo al centro ha cuccato, mentre gli altri si aggirano sul porfido meditando in solitaria. Medita Piersilvio Berlusconi, a sinistra (strano), che guarda il lago sognando. Medita la donna che non si capisce se va o viene, perché sembra che ci arrivi verso di noi, ma le gambe si allontanano. Medita Dylan Dog sulla seconda panca a destra senza schienale dalla perfetta forma poligonale, euclidea, spartana come si confà a un lungolago sobrio, da reddito di cittadinanza: 15 milioni che non verranno spesi per darci agi e mollezze. Lo finiranno nel 2023 (sì, han detto nel 2022, ma mi serve il piccolo ritardo per il brano acconcio e son certo che mi verranno incontro):


MINIARTEXTIL 2018 – HUMANS
Spazio Antonio Ratti (ex chiesa di San Francesco), largo Spallino 1, dalle 11 alle 19, ingresso a 8 sacchi

Miniartextil 2018: tessendo i fili degli Humans


INCONTRO DELL’UNIVERSITÀ POPOLARE
Associazione Carducci, via Cavallotti 7, ore 15.30, ingresso libero

Si riaprono i corsi dell’Università Popolare nel suo ventesimo anno di attività. Questo pomeriggio, dopo la presentazione del programma del primo quadrimestre, ci sarà un intrattenimento musicale, Viaggio di note affidato alla voce di Donatella Bortone e al suono dell’arpa di Davide Negretti.


IMAGINE
Clicca per scoprire i cinema e gli orari


CINEFORUM DEL CAI
Sala conferenze del Don Guanella, via Grossi 18, ore 21, ingresso libero

La montagna sullo schermo con il Cai


CINEFORUM DI ERBA
Cinema Teatro Excelsior, via Diaz 5, Erba, ore 21, ingresso a 4 sacchi

La sindrome di Asperger al Cineforum di Erba


TUTTI I FILM AL CINEMA

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/16/27/4b/16274bdf3592367483accc8decdbf167.jpg

Potete trovare tutti i film in programmazione in tutte le sale a questo link:
http://www.laprovinciadicomo.it/cinema/films/

 

Lascia un commento