Lunedì 24 dicembre

La settimana InCom
0 668

EDWIGE FENECH DAY

Buongiorno,
eccoci alla fine. Ve n’è rimasto ancora uno da fare? Vorreste qualcosa di natalizio, ma nel senso vero della ricorrenza? Permettetemi di consigliarvi Il grande racconto delle religioni (Il Mulino, 544 pagine illustrate, 50 sacchi ben spesi) di Giovanni Filoramo, docente di Storia del cristianesimo all’Università di Torino, in particolare studioso della storia del cristianesimo antico, di nuovi fenomeni religiosi, di storia delle interpretazioni e di problemi metodologici della storia religiosa. Vi lascio alla scheda del volume, non prima di aver precisato che il ricchissimo apparato fotografico che correda la lettura, lo rende anche uno stupendo libro da guardare oltre che da approfondire.

Nella straordinaria varietà di miti, simboli, forme, riti e valori in cui nelle diverse culture storiche trova espressione il sentimento religioso, il nucleo fondamentale è sempre lo stesso: il rapporto dell’uomo con il cosmo e con le sue forze potenti, misteriose e ingovernabili. Che si tratti di aborigeni, di nativi americani, di sumeri, cinesi, di cultura hindu, o di antichi greci, del credo mazdeo, di ebraismo, cristianesimo o islam, la visione religiosa del mondo garantisce ai credenti un punto di vista unitario sulla realtà, una bussola per orientarsi tra il bene e il male. Mentre alcune visioni hanno al loro centro il problema del rapporto con una natura selvaggia e minacciosa, altre insegnano all’uomo a vivere in armonia con il cosmo che lo circonda, lo ha creato e lo nutre. In altre ancora, ordinatrice del cosmo è una figura di sovrano divinamente ispirato. Tra VIII e VII secolo a.C. si fa strada una visione religiosa nuova: il monoteismo. Il divino non si manifesta più nella natura, non ha tratti antropomorfi, ma trascende radicalmente l’uomo. Con il Cristianesimo la concezione del Dio incarnato opera una svolta antropologica destinata a segnare la storia del pensiero occidentale. È di tutto questo che parla il libro: dell’eterno, inesausto bisogno umano di realizzare la pienezza dell’essere attraverso il sacro.

Un brano acconcio e poco noto di due artisti che indubbiamente conoscete:


VACANZE DI NATALE
Krudo, piazza Volta 26, ore 21

Natale anni Ottanta con un dj set a cura di Music for Green Events.


NO XMAS, JUST VINYLS!
Lighthouse Drink & Food, via Garibaldi 59, ore 23

Gid (da A.live) vi donerà un Natale speciale trasformando la sala in un ambiente colorato e profond con il suo sound elettronico. Groovy underground house music, sintetizzatori, voci che piovono nei momenti giusti, melodie infuse di jazz e una ritmica robusta per il dancefloor. Brindisi offerto e spuntino di mezzanotte gratuito.


TUTTI I FILM AL CINEMA

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/16/27/4b/16274bdf3592367483accc8decdbf167.jpg

Potete trovare tutti i film in programmazione in tutte le sale a questo link:
http://www.laprovinciadicomo.it/cinema/films/

Lascia un commento