Giovedì 29 marzo

La settimana InCom
0 1025

ERIC IDLE 75TH DAY

Buongiorno,
ci siamo: è arrivata la Fiera di Pasqua e i Soli Al Mondo sgorgano dai loro rifugi invernali uscendo dal letargo… Vorrei poter dire così, ma in realtà per tutto l’inverno i Sam sono stati attivi e temibilissimi come in ogni altra stagione. Ma la Fiera è il raduno nazionale e qui mi devo scusare se, come ogni anno, mi ripeto, ma c’è chi legge da poco e che DEVE sapere dell’esistenza di codesti individui… Quindi ogni anno lo ripropongo in questa occasione di gioia, dove l’odore di salamella si mescola al caramello e al guano di piccione.

Fenomeno antropologico studiato dai più studiosi studiosi (Piero Angela, Alberto Angela, basta) i Soli Al Mondo essi:
si fermano di botto per guardare una bancarella provocando dolorosi tamponamenti umani a catena e restandoci pure male;
invertono il senso di marcia improvvisamente andando a sbattere e arrabbiandosi molto a vanvera pronunciando frasi in una qualche lingua perduta;
indicano cose appese e poi ritirano il braccio con un tipico movimento a 90° del medesimo, sgomitando sulla testa del prossimo loro e giammai domandando scusa.
I miei preferiti, i piuccheperfetti, quelli a cui riservo il mio odio più incondizionato e migliore, appaiono in branco – in genere due coppie con non meno di due passeggini a testa – e si dispongono a nella caratteristica formazione stella, fermandosi nel pieno centro della fiera: una coreografia molto suggestiva se vista dall’alto (stile Ziegfeld Follies), più impenetrabile della testuggine romana se si cerca di passare, ricevendo pure occhiatacce & grugnity perché i Soli Al Mondo non vogliono essere turbati dall’esistenza della gente.
Poi ci sono i Sams, ovvero i Soli Al Mondo (che si fanno i) Selfie (sono ben consapevole che dovrebbe essere più corretto Samcsfis, ma è un problema pronunziarlo). Essi si dispongono all’improvviso a favore di smartofono, allontanato con lesto movimento di braccio quando non posseggono quei bastoncelli poi proibiti da un apposito emendamento alla Convenzione di Ginevra (quello sulla circonvenzione degli incapaci) e sono pericolosissimi. Ma ancor peggio quanso dono un due, tre, quattordici, perché per essere Sam non si deve essere soli sul serio, basta ignorare che c’è tutto un mondo attorno.
Dall’anno scorso ci sono i Sam con status. Essi son quelli che camminano impugnando lo smartofono tra i pollici e gli indici di entrambe le mani perché intanto trasmettono in diretta, ma soprattutto aggiornano lo status e la posizione. A parte che, quindi, immortalano principalmente nuche, spesso non comprendono che quello che stanno inquadrando è davanti a loro è reale nel mondo reale e vi si infrangono fragorosamente, causando la cadutattèrra del telefono, un’imprecazione belluina e una serie di pedanti proteste con chi ha l’unica colpa di possedere la schiena su cui si è verificato il sinistro.

Così scrissi, così è, come era nel principio (quasi, comunque Caino era un Sam) ora e sempre… Bene, questa era la parte che si ripete. La novità di quest’anno è che alla fiera 2018 io… NON ANDRÒ! In genere la fendevo a grandi passi cercando di slalomare tra i Sam, ma quest’anno, per una questione burocratica di quelle che solo noi sappiamo inventare (come «Noi, chi?»… NOI!), mancherà una serie di banchi tra cui l’unico che vendeva dischi (ovvero, per quanto mi riguarda, quello attorno al quale è costruita l’intera fiera) dell’amico Walter Longa. Libertà! Il brano acconcio alle bancarelle:


GREEN WEEK
Arte Dolce Lyceum, via Cesare Cantù 36, ore 19

TuraBorg Music Dept: il duo di Max Turati e Fabio Borghetti esplora sonorità che vanno dal jazz al funk, dalla world music alla lounge, dal dub alla psichedelia, cercando sempre nuove suggestioni sull’onda di un gusto che i due continuano a scambiarsi influezandosi reciprocamente durante ogni esibizione.


MYSTIC IN BLUES
Mystic Burger, strada Briantea 4, Montorfano, ore 19.45

Blues con James Trotter (voce e chitarra) e Pablo Leoni (percussioni).


GI(R)OVEDÌ D’ITALIA
Osteria del Beuc, via Cavallotti 1, Cernobbio, ore 20,15

La cucina pugliese si abbina alla musica dei Canto Antico.


OMAGGIO A FABRIZIO DE ANDRÉ
L’Officina della Musica, via Giulini 14, ore 21, ingresso per i soci a 10 sacchi

Il principe libero: omaggio a De André all’Officina della Musica


RISVEGLI
Spazio Gloria, via Varesina 72, ore 21, ingresso a 8 sacchi

I tanghi del Kairos Piano Trio nei Risvegli del Gloria


SLAM POETRY ALL’OSTELLO BELLO LAKE COMO HOSTEL
Viale fratelli Rosselli 9, ore 21, ingresso libero

La slam poetry approda a Como grazie a Lips e Allineamenti. Questo è il primo di una serie di appuntamenti mensili. Tre minuti di tempo per recitare componimenti scritti di proprio pugno di fronte a un pubblico che decreterà il vincitore. Ingresso libero. Per iscriversi inviare una mail a paolo.ghirimoldi@gmail.com.


I CONFINI
Teatro San Teodoro, via Corbetta 7, Cantù, ore 21, ingresso a 6 sacchi

Tre manifesti a Ebbing, Missouri nei Confini


TUTTI I FILM AL CINEMA

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/16/27/4b/16274bdf3592367483accc8decdbf167.jpg

Potete trovare tutti i film in programmazione in tutte le sale a questo link:
http://www.laprovinciadicomo.it/cinema/films/



JANNACCI, GABER & CELENTANO: LA LORO MILANO TRA MUSICA E RISATE
Let’s, viale Bezzi angolo via Clefi, Milano, ore 21

Cinque anni senza Jannacci, l’omaggio a Milano

 

Lascia un commento