Domenica 27 gennaio

La settimana InCom
1 806

WOLFGANG AMADEUS MOZART DAY

Buongiorno,
non scorderò mai il primo anno in cui, compilando questo spazio proprio oggi, per la prima volta ho collegato il compleanno di Mozart al Giorno della memoria: il sublime e l’atroce in un contrasto stridente. Quindi il commento di oggi lo lascio alla musica sublime. Musica che ha i toni acquatici della glass harmonica, ovvero un sistema di bicchieri riempiti con diverse quantità di liquido per emettere suoni differenti. Oppure (perché la tecnologia avanza) un sistema di vetri bagnati di dimensioni diverse per emettere note diverse. Questo perché l’Olocausto non ha l’odore mefitico del gas, ma il sapore salato dell’acqua di mare.

Il brano acconcio, anzi, glasshacconcio:


DOV’ERA DIO?
Libooks, via Dante 8, Cantù, ore 11, ingresso libero

Dov’era Dio ad Auschwitz?, letture teatrali tratte da libri e testi di Elie Wiesel, Primo Levi ed Etty Hillesum a cura di Mario Porro, Beatrice Marzorati e Davide Scaccianoce.


STAGIONE FAMIGLIE DEL TEATRO SAN TEODORO
Via Corbetta 7, Cantù, ore 15 (per bambini dagli 8 anni), biglietto a 6 sacchi

Sandokan da Le tigri di Mompracem di Emilio Salgari, scrittura scenica Giovanni Guerrieri con la collaborazione di Giulia Gallo e Giulia Solano con Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Illiano e Giulia Solano
Il luogo in cui si svolge l’azione è una cucina: attorno ad un tavolo si raccolgono i quattro personaggi che, indossato il grembiule, iniziano a vivere le intricate gesta del pirata malese.


LA DOMENICHINA DEI PICCOLI
Piccola Accademia, via Castellini 7, ore 16, ingresso: bambini 4 sacchi, adulti 6 sacchi

In occasione del Giorno della Memoria, Il diario di Anna Frank raccontato ai bambini. Nello spettacolo la storia verrà raccontata e cantata insieme ai giovani spettatori e con loro si costruirà un finale alternativo a quello che ci ha brutalmente consegnato l’evento più devastante del Ventesimo secolo.


ASPETTANDO PAROLARIO
L’Officina della Musica, via Giulini 14B, ore 17, tutto esaurito (ripeto, tutto esaurito)

Davide Van De Sfroos presenta il suo libro Ladri di foglie dialogando con il giornalista Alessio Brunialti. Un incontro organizzato nell’ambito di Aspettando Parolario in collaborazione con L’Officina della Musica, La Nave di Teseo e La Feltrinelli. Tutto esaurito.
NdA: significa che se non avete prenotato il posto NON CI DOVETE VENIRE e non, invece, stare lì a inginghialirvi fuori. Mi spiace. È la vita. Ne faremo un’altra…


GREEN WEEK
La Pòsa (ex Pegaso), via Cuccio 1, Porlezza, ore 20.30, ingresso libero

Music for Green propone il live dei T – Roosters, con Tiz Rooster Galli alla voce e chitarra, Jean SilverHead Cova alla batteria, Luigi Lillo Rogati al basso e Marcus BoldSound Tondo all’armonica.


ARTISTI EMERGENTI IN OFFICINA
L’Officina della Musica, via Giulini 14B, ore 21, ingresso libero (possibilità di cena)

Concerto organizzato da Cantanti per passione in collaborazione con Nota su nota e Officina della musica: si esibiranno giovani band e i vincitori dei concorsi estivi delle tre associazioni.


IO NON DIMENTICO
Fondazione Minoprio, via Raimondi 54, Vertemate con Minoprio, ore 21, ingresso libero

L’amministrazione comunale, in occasione della Giornata della Memoria, organizza lo spettacolo Io non dimentico dell’Orchestra Musica Spiccia, a cura dell’associazione Baule dei Suoni.


BRAVA GENTE
Municipio, via Roma 56, Lurago d’Erba, ore 21

Il Comune di Lurago d’Erba presenta Brava gente, il dramma dell’Olocausto raccontato in salsa tutta italiana, a cura del Teatro d’Acqua Dolce.


TUTTI I FILM AL CINEMA

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/16/27/4b/16274bdf3592367483accc8decdbf167.jpg

Potete trovare tutti i film in programmazione in tutte le sale a questo link:
http://www.laprovinciadicomo.it/cinema/films/

1 commento

Glauco Romagnoli
27 gennaio 2019 alle 12:57

Spero ardentemente che cento barche siciliane con cento Deputati e Senatori vadano a raccogliere quei poveretti in mezzo al mare e che accettino di essere processati per” favoreggiamento dell’immigrazione clandestina” come io stesso farei se fossi chiamato . Se vengono ancora lasciati in mare è difficile comprendere come si sia metabolizzato “il giorno della memoria”

Lascia un commento