Domenica 17 febbraio

La settimana InCom
0 567

RAF VALLONE DAY

Buongiorno,
il mio primo Bruno Ganz non è stato quello de L’amico americano, meraviglia che ho recuperato in seguito, bensì quello del Nosferatu di Herzog: delle tante immagini di quel film, quella finale con Harker che cavalca su una tempesta d’erba destinato a diffondere il morbo per l’Europa occidentale mi ha perseguitato per decenni. Il cielo sopra Berlino è stato un film facile da amare immediatamente, così ricco di sequenze memorabili. Aveva tutto: il sogno, il respiro, la vita, la morte, Berlino, Nick Cave, il tenente Colombo che ti tende la mano, Solveig che era già un angelo, pure un doppiaggio, per me, da assassinio (è stato uno dei primi film a convincermi che quella “miglior doppiaggio del mondo” era una tautologia immotivata e, per giunta, non passava la moda di ritenerci tutti un po’ stupidi trasformando un film che mescola tedesco, francese, inglese, polacco, spagnolo, tutto in italiano) (doppiare Nick Cave è, comunque, reato). Poi è stato facile disprezzarlo, così scopertamente “d’autore”, poi ridimensionato da Così vicino, così lontano, sequel annunciato (e noi che pensavamo che «à suivre» alla fine fosse solo per non scrivere fine) e assai meno amato. Oggi torna a essere un film centrale per capire la Germania sull’orlo del cambiamento assieme al gemello girato dopo il crollo del muro. Pane e tulipani è piacione, nel senso migliore del termine. La caduta è tremendo, nel senso nobile del termine. Oltre a questi film che tutti hanno citato ieri ce ne sarebbero altri 118 – dando credito a Imdb – sicuramente non tutti di livello. Ho, personalmente, disprezzato il biopic di Terzani, attendo La casa di Jack di Von Trier in uscita il 28, ultima interpretazione. So long, compañero.

Un brano acconcio a Bruno:


PICCOLE IDEE
La Lucernetta, piazza Medaglie d’oro 4, ore 15.30 e 17.30, biglietti a 7 sacchi (platea) e a 6 sacchi (galleria)

Mangiamondo di Sarah Paoletti con Massimiliano Angioni, Francesco Saitta ed Eugenio Noseda. Regia di Ester Montalto
Attraverso mille avventure Tommy scoprirà che il mondo ci viene a trovare ogni giorno a casa nostra attraverso cibi e oggetti che vengono da tutto il mondo. Un testo divertente che affronta la tematica della globalizzazione dei consumi.


ASPETTANDO PAROLARIO
L’Officina della Musica, via Giulini 14B, ore 17, ingresso libero

Protagonisti dell’incontro saranno Ezio Guaitamacchi e Leonardo Follieri, autori del libro Rock & Arte (Hoepli, 2018): un’opera unica e originale che racconta 60 anni di rock da una prospettiva nuova, attraverso i continui scambi tra la nuova musica e le varie forme d’arte. Gli autori racconteranno alcuni degli aneddoti riportati nel libro – un vero viaggio tra copertine, poster, film, fotogra­fie, moda, oggetti – accompagnati dalla musica delle chitarre di Ezio Guaitamacchi e dalla voce di Brunella Boschetti Venturi. Insieme a loro sul palco anche Carlo Montana, ritrattista rock. Conduce il giornalista Alessio Brunialti. L’incontro è organizzato da Parolario in collaborazione con l’Officina della Musica e con La Feltrinelli di Como.


SENTI COME MI SENTO
Teatro San Teodoro, va Corbetta 7, Cantù, ore 17, ingresso libero

Un laboratorio esperienziale di forte impatto emotivo, organizzato da Aism e creato per sensibilizzare le persone sull’impatto di una patologia complessa, cronica, imprevedibile come la sclerosi multipla. Ai partecipanti verrà proposto di assumere i panni di una persona con SM simulando, con vari ausili, alcuni dei sintomi che si possono presentare, fatica, tremore, problemi di vista, sensibilità alterata, parestesia, spasticità, neurite ottica e mancanza di equilibrio. Disturbi imprevedibili e poco comprensibili da chi non li prova sulla propria pelle ma che influenzano moltissimo la qualità di vita delle persone con SM. Alle 21.30 seguirà il tributo a Rino Gaetano dei Vino Raro.


STAGIONE SINFONICA
Teatro Sociale, piazza Verdi 1, ore 17, biglietti a 20 sacchi

Sogni visioni con Cinzia Forte (soprano), Gabriele Pieranunzi (violino), Silvia Chiesa (violoncello) e Maurizio Baglini (pianoforte). Musiche di Robert Schumann, Ludwig van Beethoven e Dmitrij Šostakovič.


TUTTI I FILM AL CINEMA

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/16/27/4b/16274bdf3592367483accc8decdbf167.jpg

Potete trovare tutti i film in programmazione in tutte le sale a questo link:
http://www.laprovinciadicomo.it/cinema/films/

 

Lascia un commento