Schola cantautorum: tutto Fabrizio De André

la-buona-novella-di-de-andre-riletta-da-poggioni-e-belcastro
0 453

Dopo una panoramica infarinatrice su Gino Paoli, Luigi Tenco e Bruno Lauzi, genovesi d’adozione, la Schola Cantautorum del giornalista e critico musicale Alessio Brunialti torna mercoledì 17 ottobre alle 21 con un approfondimento sul poeta e cantautore Fabrizio De André, indiscutibilmente l’esponente più conosciuto di questa scuola genovese. Una lezione interattiva e multimediale, fra aneddoti e intermezzi di musica dal vivo per dare ai digiuni un assaggio concreto della materia trattata, nell’aula d’eccezione che è l’Officina della Musica in via Giulini 14. In un percorso dalla N alla A, ossia dal suo primo brano in studio, Nuvole barocche, all’ultimo, Smisurata preghiera, si celebrerà la memoria del musicista pochi mesi prima dell’anniversario per i venti anni dalla sua morte. Non di minore importanza, si menzionerà anche la sua peculiare capacità di catalizzare talenti altrui – da Francesco De Gregori, a Massimo Bubola, a Mauro Pagani, all’in seguito vincitore di Oscar Nicola Piovani. Ancora una volta, ottima occasione per allargare i propri orizzonti musicali sfruttando una tecnica efficace ma ormai abbandonata nel dimenticatoio: il passaparola. Ingresso a 8 euro per i soci.

Lascia un commento