Passeggiate voltiane: si riparte dal sentiero ritrovato

passeggiate-voltiane-si-riparte-dal-sentiero-ritrovato
0 2063

Volta e il Beato Geremia: incontro possibile sul sentiero ritrovato. Questo il titolo della passeggiata creativa con cui domenica si inaugurerà l’antico cammino, utilizzato fin dal Quattrocento dai frati dell’eremo di San Donato, fra Garzola e Camnago Volta, riaperto di recente dopo anni di abbandono, grazie all’iniziativa delle associazioni La Città Possibile e Sentiero dei Sogni, coadiuvate da un gruppo di richiedenti asilo.

Questo percorso inaugura anche un secondo ciclo di passeggiate Sulle orme di Volta, proposte da Fondazione Alessandro Volta, in collaborazione con Sentiero dei Sogni. Dopo il successo dello scorso anno, quando i sei itinerari proposti furono seguiti da oltre 900 persone complessive, facendo registrare sempre il tutto esaurito, l’edizione 2018 punta ad esplorare in particolare aree “periferiche” rispetto ai luoghi voltiani più noti, illuminandole con la luce della poliedrica personalità dello scienziato. La bellezza ai margini della città è, non a caso, il sottotitolo di quest’anno. I percorsi, compresa un’inedita biciclettata creativa, si svolgeranno tra i territori di Como, Cernobbio e Brunate, con un’incursione (in treno) fino all’ex villaggio cotoniero di Lomazzo.

Tutti i percorsi sono ideati e condotti da Pietro Berra, giornalista e curatore del progetto Passeggiate Creative. In quello di domenica sono previste, nella chiesa dell’eremo di San Donato, una lettura scenica di Roberto Deangelis dal romanzo La vita e i tempi di Alessandro Volta di Maria Azzi Grimaldi e un intervento musicale all’organo di Riccardo Quadri, mentre nella radura del Ponte dei Bottini, a metà percorso, si terrà un breve reading dello stesso Berra e della poetessa marchigiana Franca Mancinelli da Libretto di transito (Amos Edizioni). Infine, verrà aperta per l’occasione anche la chiesetta di San Francesco in Ravanera. Interventi di carattere ambientale sul parco della Valle del Cosia a cura degli esperti de La Città Possibile.

Il ritrovo è alle 14.30 all’eremo di San Donato… per chi si è prenotato tempestivamente, perché i 120 posti disponibili sono andati esauriti in cinque ore. Un’ulteriore prova della passione dei comaschi per queste iniziative e, più in generale, per la possibilità si scoprire, con prospettive sempre nuove suggerite dalla creatività, la bellezza dei luoghi intorno a noi.

Ogni passeggiata, in virtù della collaborazione con Wikimedia Italia, sarà anche un’occasione per scattare fotografie che potranno partecipare al concorso Wiki Loves Monuments in settembre ed essere utilizzate per implementare la presenza delle località lariane su Wikipedia.

Lascia un commento