Orticolario 2018: dieci anni di verde bellezza

orticolario-2018-dieci-anni-di-verde-bellezza
0 743

Ci siamo. Tra pochissime ora sarà ancora Orticolario. Sarà ancora una tre giorni di bellezza, di verde, di bellezza verde e tanti altri colori. Sarà il decimo anniversario di un evento che fin dall’inizio ha coinvolto e unito addetti ai lavoratori e curiosi, appassionati e cultori della natura e delle emozioni e delle sensazioni che essa porta con sé. L’occasione giusta per passeggiare nel parco di Villa Erba, per perdersi tra le piante e i fiori esposti, per ammirarne i colori e sentirne i profumi.

Black moon, Orticolario 2017 (Fot di Luigi Fieni)

Il momento giusto per apprezzare le opere di artigianato dedicate a giardini e non solo, scoprire le tante installazioni d’arte e design; tra queste, attirerà sicuramente l’attenzione di tutti l’opera di Studio Verde e Paesaggio di Carla Testori, Sogno di una notte d’inizio autunno: un labirinto fantastico di salvie costituito da 12 pareti specchianti autoportanti, realizzate da Marangoni Design.  La sezione Dehor – Design your horizon, vedrà poi  il progetto The sage temple di Olo Creative Farm, già presentato da Orticolario a Chantilly lo scorso maggio.

Salvia leucophylla (foto di Claudio Cervelli)

La salvia è l’essenza protagonista di questa edizione, dal titolo Si salvia chi può!: pianta magica, purificatrice e divinatoria, vanta una grande biodiversità grazie alle circa mille specie e centinaia di varietà provenienti da tutto il mondo. Un’altra grande installazione che la celebrerà sarà situata nel padiglione centrale del centro espositivo: un’installazione gonfiabile realizzata con la seta Mantero.

Studi preparatri per l’installazione del padiglione centrale (Stefano Ogliari Badessi)

Un ospite speciale  di questa edizione sarà Roy Lancaster, vicepresidente dell’inglese Rhs, Royal Horticultural Society, scopritore di piante, scrittore e giornalista, che riceverà il premio Per un giardinaggio evoluto 2018.

Roy Lancaster

Non mancherà un fitto programma di incontri culturali e di laboratori didattico-creativi per i bambini, che si tramuteranno in piccoli erboristi o scultori di sabbia o, ancora, arrampicatori di alberi, gustandosi poi lo spettacolo dei burattini e le letture dedicate alla natura nella biblioteca dei bambini Fiori da leggere, realizzata in collaborazione con la Biblioteca comunale di Brunate.

Orchestra natura (Foto di Luciano Movio)

Tema della manifestazione è Il gioco, che coinvolgerà i visitatori grazie alla sorpresa e all’incanto che esso genera: accanto alle grandi installazioni, a stupire ciascuno di noi saranno la Flotta aerea, un pregiato modellino ligneo per un luna park aperto al pubblico, proveniente dal Museo della Reggia di Caserta; I colori del buio, ad un passo da Ybor di TiEvent, esposta nelle segrete della Villa; gli spettacoli d’acqua del Ninfeo di Villa Visconti Borromeo Litta, tra i quali si verrà accompagnati da figuranti in costume d’epoca.

Moritz Mantero

Queste sono solo alcune delle sorprese che  ci attendono e che trasformeranno la visita a Orticolario in qualcosa di emozionante e indimenticabile.

La duplice valenza – ambientale e sociale – di Orticolario si conferma anche ne 2018 , grazie a raccolte di fondi  poi devoluti ad associazioni del territorio lariano impegnate nel sociale e protagoniste, insieme ad espositori (270 quelli coinvolti) e partner,  della manifestazione, che vede  il sostegno di Mantero Seta e il contributo di Elmec Solar ed Ethimo, oltre ad essere convenzionata con il Fai – Fondo Ambiente Italiano e il Touring Club Italiano.  Come il presidente di Orticolario Moritz Mantero ha negli anni avuto modo di sottolineare, i numeri dell’evento sono sempre notevoli e per quest’anno trentamila sono i visitatori attesi.

Io sarò una di quelle, pronta a portare con me, al ritorno a casa, non solo specie nuove di piante e fiori ma soprattutto emozioni e bellezza.

PS: non preoccupatevi delle previsioni; un paio di stivali di gomma, un impermeabile ed è subito atmosfera da campagna inglese.

Lascia un commento