Le ricette di Sara: ragù di mare

le-ricette-di-sara-ragu-di-mare
0 144

«Mare, profumo di mare…» Sulle note della sigla di Love boat («Che???», diranno quelli di voi sotto i 40…) vi invito a cucinare questo sugo al tonno “scappato”, che convincerà anche i miscredenti! La voglia di “pasticciare” un po’ con le alghe mi è nata dopo aver assaggiato qualche patè o qualche preparato a base di pesce “finto” e da lì ho iniziato ad informarmi e a sperimentare e quindi eccomi a condividere il mio primo risultato: un sugo che, secondo me, è venuto particolarmente bene e rievoca magistralmente i sapori del mare. Io ho trovato al supermercato le alghe Kombu e Wakame in fiocchi, e per le dosi sono dovuta andare un po’ ad occhio e a gusto.. vi metto quindi una quantità approssimativa, voi regolatevi in base al risultato che vorrete ottenere.

Per circa 6 porzioni procuratevi
100 gr di soia granulare disidratata
200 gr di polpa di pomodoro
400 gr di pomodorini in latta
1 manciata di olive
1 manciata di capperi
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
1 cucchiaino di salsa di soia
1 spicchio d’aglio
15 gr di alghe in fiocchi (io avevo kombu e wakame)
Origano/peperoncino/sale/pepe

Iniziate mettendo la soia a reidratare in acqua bollente con un cucchiaio di salsa di soia per circa 10 minuti e unite le alghe in fiocchi.

Nel frattempo fate imbiondire in una padella con un po’ di olio EVO, uno spicchio d’aglio e aggiungete le olive e i capperi tritati a coltello.

Dopo qualche minuto aggiungete la soia, ormai idratata, con le alghe e tutto il liquido.

Dopo che avrete portato a bollore, unite il pomodoro (sia il concentrato che la polpa che la latta di pomodorini) e fate cuocere per almeno 20/30 minuti, aggiungendo l’origano, il peperoncino (se vi piace) e regolando di sale e pepe.

Quando il sugo si sarà ristretto abbastanza, usate il minipimer per frullarne un po’ direttamente in padella in modo che la soia si amalgami meglio agli altri sapori (questo passaggio è fondamentale per rendere il sugo più cremoso e fare in modo che la soia si fonda meglio con il resto).

A questo punto non vi resta che condire la pasta e gustare, magari aggiungendo un filo d’olio a crudo! Bon appetit!

Come sempre, per questa e altre ricette vi aspetto sul mio blog!

Lascia un commento