Le ricette di Sara: coppetta tiramisù

le-ricette-di-sara-coppetta-tiramisu
0 1152

Lo so, le feste sono finite, ma per l’ultima volta (almeno per un po’!) godiamoci un dolcetto super cremoso e super godurioso: la coppetta in stile tiramisù. La crema, infatti, ricorda molto, per gusto e consistenza, quella al mascarpone; la base invece è simile a quella delle cheesecake, ma con i biscotti impregnati di caffè invece che di margarina. È un dolce che si fa in tempo relativamente breve, non necessita di cottura ma andrà benissimo per concludere una cena importante, perché davvero ricco e saporito.

Procuriamoci (per circa 6 coppette)
Per la crema:
250 gr di latte di riso
30 gr di zucchero di canna
2 cucchiai di fecola di patate
1 bustina di vanillina
200 ml di panna di soia da montare
Per la base:
2 biscotti tipo digestive per ogni coppetta
Caffè amaro q.b.
Per guarnire:
Cacao amaro e/o scaglie di cioccolato fondente

Mettete in un pentolino la fecola e la vanillina, poi aggiungete a poco a poco il latte di riso, mescolando energicamente con un frusta in modo che non si formino grumi.

Aggiungete lo zucchero e ponete sul fuoco a fiamma bassa, continuando a mescolare fino a che non raggiunga il bollore. Lasciate addensare la crema per qualche minuto e trasferitela in una terrina, che coprirete con un foglio di pellicola e fatela raffreddare completamente.

Nel frattempo preparate la base, imbevendo i biscotti nel caffè amaro e schiacciandoli e livellandoli con un cucchiaino sul fondo della coppetta mono porzione (per ogni coppetta di queste dimensioni servono 2 biscotti, in modo che la riempano per circa un terzo) e mettete le coppette in frigo a rassodarsi.


Ora montate la panna vegetale ben ferma.

Aggiungetela alla crema ormai fredda con movimenti delicati dal basso verso l’alto in modo che non si smonti e si ottenga una crema liscia e soffice.


Riempite il resto della coppetta con la crema.

Guarnite con una spolverata di cacao amaro e/o scaglie di cioccolato fondente; lasciate il tutto in frigo almeno un’oretta prima di servire.

Vi consiglio di mangiarla affondando il cucchiaio fino alla base in modo che la dolcezza della crema si fonda con l’amaro e il salato della base, creando un contrasto super godurioso!

La crema ottenuta si presta benissimo anche per accompagnare pandoro e panettone (che avrete avanzato in quantità), al posto della crema al mascarpone.

Come sempre, per questa e altre ricette vi aspetto sul mio blog!

Lascia un commento