In mostra Snapshots di Pozzoni

in-mostra-snapshots-di-pozzoni
0 520

«Tutto accade per caso, a volte sei in giro per un servizio e improvvisamente noti qualcosa che esula dal progetto a cui stai lavorando. Ti attrae e allora la fermi, con la tua macchina fotografica ed è un’altra foto», spiega Carlo Pozzoni, fotoreporter comasco, collaboratore de La Provincia, autore di tanti splendidi reportage realizzati sia sul nostro territorio che altrove. «Sono tante le immagini che ho colto, guardato più volte e poi inserite in archivio. Con l’abbandono della macchina fotografica analogica per quella digitale sono arrivati i file, anch’essi sistemati accuratamente in una cartella del computer e lasciati, per così dire, decantare. Non le ho mai dimenticati». Venti foto stampate su fine art in formato 35×50 firmate dall’artista ed esposte nella bella mostra Snapshots (Istantanee) fino al 1 settembre alla Tenuta Dell’Annunziata di Uggiate Trevano, inaugurazione aperta al pubblico domenica 10 giugno alle 18.

Le colonne di Villa Melzi

Villa Panza

Immagini del Razionalismo comasco, la splendida e, poco apprezzata, fontana di Camerlata ideata da Cesare Cattaneo e Mario Radice, si intreccia ad attimi fuggenti che solo le acque del nostro Lago sanno racchiudere: fra queste un’intensa foto di Villa Pliniana prima del restauro in tutta la sua decadenza che diventa evanescente dialogo con la veduta lacustre, dominata di blu, ripresa da Pognana. Le colonne di Villa Melzi si aprono a uno squarcio privato del Lago, i binari sono in movimento e sfumano di grigio, Villa Panza a Varese, dimora del Fai è raccontata con frammenti di colori e giochi d’ombra. «Al fotografo di professione capita spesso di realizzare degli scatti che sente particolarmente suoi – continua Pozzoni – Queste istantanee traggono il proprio valore dall’unicità della situazione rappresentata o delle circostanze in cui sono state realizzate. È solo riguardandole dopo un po’ di tempo che ci si rende conto di come tutte queste foto singole entrino a far parte del percorso artistico dell’autore come perle di una collana. Ciascuna di esse, infatti, è in grado di raccontare qualcosa dello sguardo fotografico di chi le ha realizzate. È per questo motivo che ho deciso di esporre una selezione di miei scatti nella speranza che possano offrire al visitatore una sorta di percorso narrativo per immagini». Ecco la forza delle immagini di Pozzoni, la sua capacità di non cadere nella routine della committenza e di ricordarsi l’attimo, sempre e comunque.

Lascia un commento