“Alla sera”: passeggiata poetica in notturna

alla-sera-passeggiata-poetica-in-notturna
0 668

Sta per arrivare una passeggiata creativa notturna. Domenica 10 giugno, nell’ambito del ciclo Sulle orme di Volta 2, promosso da Fondazione Alessandro Volta con l’associazione Sentiero dei Sogni, si terrà Alla sera un percorso che connette Volta con la poesia, seguendo le tracce della ferrovia che portava allo scalo merci in riva al lago. Narrazione di Pietro Berra, che per ciascun tema abbinerà letture di poeti del passato con testi propri, immagini dalla collezione di Enrico Levrini, interventi storico-architettonici di Paolo Brambilla e dello stesso Levrini. Altre letture poetiche di Mariagrazia Muscatello e Mirna Ortiz.

Ex chiesa di Santa Caterina (foto di Pino Musi)

Il percorso parte dall’ex chiesa di Santa Caterina in via Borgovico 33, dal 1740 al 1800 seminario dove Volta completò gli studi, per arrivare a Villa del Grumello, luogo degli incontri tra Alessandro Volta e Ugo Foscolo, autore del sonetto Alla sera da cui prende il titolo l’iniziativa. L’itinerario seguirà, fino al Tempio Voltiano, quello del binario merci che un tempo arrivava a lago e poi proseguirà lungo la passeggiata Lino Gelpi. Sarà scandito da sei tappe, in cui ogni punto di interesse verrà rivisitato attraverso cartoline e foto storiche messe a disposizione dei partecipanti in formato digitale dal collezionista Enrico Levrini (i camminanti sono invitati a portare smartphone o tablet per poterle guardare in diretta), e vivificato con la forza della parola poetica.

Pietro Berra (foto di Daniela Manili Pessina)

Ogni tappa intreccerà un tema legato tanto alla memoria voltiana quanto alle ore notturne, spaziando tra ambiti molto diversi tra loro eppure tutti uniti da un sottile filo rosso. Anzi, da una sottile traccia luminosa. Questi tappe e temi correlati: ex chiesa di Santa Caterina, oggi spazio espositivo Borgovico33, “lo studio”; roseto dei giardini di via Sant’Elia, dove per l’occasione verrà inaugurata una little free library donata dalla Classe 1937 dell’associazione La Stecca, Le rose e l’amore; locomotiva FS 851 ai Giardini a lago, unico elemento superstite del vecchio scalo merci, Il treno notte; Monumento ai Caduti/Stadio Sinigaglia, Le grandi sfide del calcio; gazebo in ferro battutto lungo la passeggiata Lino Gelpi, Le luci di Como notturna; Villa del Grumello, I poeti e il lago di Como.

La passeggiata intitolata a Lino Gelpi (foto di Mirna Ortiz Lopez)

Si tratta del 49° percorso, da quando a marzo del 2016, è partito il progetto Passeggiate Creative. E, come in tutti i precedenti, anche in questo caso è stato raggiunto il tutto esaurito: 180 posti prenotati, ci si può ancora aggiungere alla lista d’attesa ed essere avvisati in caso di rinunce.

Lascia un commento