Une place pour moi: discriminazione e infanzia al San Teodoro

une-place-pour-moi
0 426

Une place pour moi della regisa ruandese Marie Clémentine Dusabejambo è in proiezione giovedì 15 marzo alle 21 al Teatro San Teodoro di Cantù.

In una classe elementare ruandese, Elikia, una bambina albina di cinque anni, emarginata dai compagni di scuola, si convince che il colore della sua pelle sia un problema. Grazie alla madre troverà il coraggio di confrontarsi e di raccontare la sua diversità trovando così il suo posto nel mondo. Il film affronta un tema sempre attuale nell’ambito educativo: quello del bullismo e dell’emarginazione del diverso, con un taglio originale per il contesto in cui è presentato, ovvero la discriminazione nei confronti di una bambina albina in una classe di scuola primaria in Ruanda. Con un linguaggio cinematografico chiaro, diretto ed essenziale, viene sviluppato sia l’aspetto drammatico del problema sia la sua soluzione, legata alla possibilità di confronto fra i diversi e alla forza della parola capace di decostruire i pregiudizi.

Con uno sguardo delicato ma diretto la regista affronta la discriminazione degli albini, fenomeno ancora drammaticamente diffuso in Africa. La storia è però universale e si allarga al problema del bullismo nelle scuole. Ingegnere elettronico, la regista attualmente gira il suo quarto film.

Biglietti a 6 euro.

Lascia un commento