Tosca al cinema in diretta dalla Royal Opera House

tosca-al-cinema-in-diretta-dalla-royal-opera-house
0 377

Situata nel cuore del quartiere londinese Covent Garden, la Royal Opera House, costruita nella seconda metà del diciottesimo secolo, è considerata uno dei palchi più prestigiosi di tutto il mondo, grazie alla sua stagione sempre ricca di appuntamenti d’eccellenza. Occasioni uniche e spesso irripetibili, che una nota società di distribuzione cinematografica è riuscita a trasformare in veri e propri eventi globali, dando a tutti la possibilità di vivere in prima persona la bellezza e l’atmosfera di questo incantevole teatro e delle sue prestigiose rappresentazioni.

Adrianne Pieczonka e Joseph Calleja

Nel 2016, infatti, la Nexo Digital ha proposto, ad alcuni dei principali cinema internazionali, di trasmettere, in diretta via satellite, tutti e dodici gli appuntamenti previsti in cartellone e, dopo il successo della scorsa edizione, che ha raccolto oltre 45mila spettatori entusiasti solo in Italia, anche quest’anno il calendario della Royal Opera House è stato programmato in 1500 sale di oltre 40 nazioni ed è stato inaugurato con l’opera in due atti Il flauto magico di Mozart, trasmessa lo scorso settembre.

Il sesto appuntamento, previsto per mercoledì 7 febbraio e proiettato in esclusiva al Cinelandia di via Varesina 3 a Como alle ore 20.15, sarà la Tosca, opera in tre atti di Giacomo Puccini, interpretata da un cast superlativo, diretto da Dan Ettinger, per la regia di Jonathan Kent. Con Adrianne Pieczonka nei panni di Tosca, Joseph Calleja nel ruolo di Mario Cavaradossi e Gerald Finley nella parte del Barone Scarpia, questa produzione mette in evidenza la brutalità del dramma, reso con la medesima dovizia di particolari e la stessa ricchezza di dettagli espresse da Puccini nella partitura originale.

In occasione della prima nel 1900 al Teatro Costanzi di Roma, questo melodramma fu accolto con entusiasmo dal pubblico ed è tuttora una delle opere più eseguite al mondo, grazie alla sua trama avvincente e alle splendide, indimenticabili arie. La produzione di Kent per la Royal Opera ricrea il turbolento e pericoloso clima politico che vigeva a Roma nel 1800, dove Scarpia, capo della polizia e uno dei personaggi più cattivi e subdoli dell’intero repertorio operistico, inseguiva e torturava spietatamente i nemici dello Stato. Per lui il compositore toscano scrisse una musica oscura e intensa, in netto contrasto con le soavi melodie dei due amanti, Tosca e Cavaradossi, riconoscibili nelle sublimi E lucevan le stelle e Vissi d’arte.

Spettacolo unico ore 20.15, durata 180 minuti circa. Prenotazione posti consigliata.

(Foto di Catherine Ashmore)

Lascia un commento