Roma al Lux prima degli Oscar

a-como-roma-solo-al-gloria
0 796

Roma, film del 2018 scritto e diretto dal regista messicano Alfonso Cuaròn e vincitore del Leone d’oro alla 75ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, è stato proiettato solo in alcune sale d’essai in tutta Italia e, mercoledì 23 e giovedì 24 gennaio alle 21 torna sul grande schermo al Cinelada Lux di Cantù per la rassegna Cinema di qualità. La pellicola, selezionata per rappresentare il Messico al premio Oscar 2019 nella categoria per il miglior film in lingua straniera, è ambientata negli anni 1970 e 1971, principalmente a Città del Messico e racconta le vicende di una famiglia borghese che vive nel quartiere residenziale Colonia Roma.

Roma (Messico / USA, 2018,  135 minuti) di Alfonso Cuarón con Yalitza Aparicio, Marina de Tavira, Marco Graf, Daniela Demesa e Diego Cortina Autrey
Messico, 1970. Roma è un quartiere medioborghese di Mexico City che affronta una stagione di grande instabilità economico-politica. Cleo è la domestica tuttofare di una famiglia benestante che accudisce marito, moglie, nonna, quattro figli e un cane. Cleo è india, mentre la famiglia che l’ha ingaggiata è di discendenza spagnola e frequenta gringos altolocati. I compiti della giovane domestica non finiscono mai, e passano senza soluzione di continuità dal dare il bacio della buonanotte ai bambini al ripulire la cacca del cane dal cortiletto di ingresso della casa: quello in cui il macchinone comprato dal capofamiglia entra a stento, pestando i suddetti escrementi. Perché nel Messico dei primi anni Settanta tutto coesiste: la nuova ricchezza come la merda degli animali da cortile, il benessere ostentato dei padroni e la schiavitù “di nascita” dei nullatenenti. Tutto convive in un sistema contradditorio ma simbiotico in cui le tensioni sociali non tarderanno a farsi sentire, catapultando il recupero delle terre espropriate in cima all’agenda dei politici in cerca di consensi.

Biglietti a 5 euro.

Lascia un commento