Morto Stalin se ne fa un altro a 35mm sotto il cielo

morto-stalin-se-ne-fa-un-altro-per-essai
0 909

Doppio appuntamento, mercoledì 4 e giovedì 5 luglio, con 35 mm sotto il cielo, la rassegna cinematografica del Circolo Arci Xanadù. In programma, alle 21.30 in Piazza Martinelli, Morto Stalin se ne fa un altrodi Armando Iannucci con, tra gli altri, un grandissimo Steve Buscemi. Tra finzione e realtà, il film racconta i giorni della morte di Stalin e l’accendersi del conflitto tra i papabili successori.

Morto Stalin, se ne fa un altro (Gran Bretagna, Francia, 2017, 106 minuti) di Armando Iannucci con Olga Kurylenko, Andrea Riseborough, Rupert Friend, Steve Buscemi e Jason Isaacs
La sera del 28 febbraio del 1953, Radio Mosca diffonde in diretta il Concerto per pianoforte e orchestra n.23 di Mozart. Toccato dall’esecuzione che ascolta nella sua dacia di Kountsevo, Joseph Stalin domanda una registrazione. Ma nessuna registrazione era prevista per quella sera. Paralizzati dalla paura, direttore e orchestra decidono di ripetere il concerto. Tutti tranne Maria Yudina, la pianista che ha perso famiglia e amici per mano del tiranno. Convinta a suon di rubli, cede, suona e accompagna il disco con un biglietto insurrezionale. L’orchestra si vede già condannata al gulag. Ma l’indomani Stalin è moribondo. Colpito da ictus, muore il 2 marzo scatenando un conflitto feroce per la successione tra i membri del Comitato Centrale del Pcus.

Ingresso intero a 7 euro, ridotto a 6 euro per i soci Arci e a 5 euro per under 18 e over 65.

Lascia un commento