L’ora più buia di Churchill per il Cinema di qualità

lora-piu-buia-di-churchill-per-essai-da-oscar
0 1243

Grande prova per Gary Oldman, premiato l’Oscar® come miglior attore protagonista, che si è calato perfettamente nei panni di un personaggio gigantesco come Winston Churchill, fotografato, appunto, nell’Ora più buia per la Gran Bretagna, quella che vide l’ingresso nella Seconda guerra mondiale. Per questa interpretazione, l’attore è stato premiato anche ai Golden Globes, ai British Academy Film Awards, agli Screen Actors Guild Award, ai Satellite Awards, ai Critics’ Choice Movie Awards e al Palm Springs Film Festival ed è stato candidato, per la seconda volta, all’Academy Award, vinto su contendenti illustri come Daniel Day – Lewis e Denzel Washington. La statuetta d’oro è andata, quasi obbligatoriamente, a Kazuhiro Tsuji, David Malinowski e Lucy Sibbick per il miglior trucco. L’ora più buia è in doppia programmazione al Lux di Cantù martedì 3 e mercoledì 4 aprile alle 21.15.

L’ora più buia (Gran Bretagna, 2017, 114 minuti) di Joe Wright con Gary Oldman, Kristin Scott Thomas, Lily James, Stephen Dillane e Ronald Pickup
Gran Bretagna, 1940. È una stagione cupa quella che si annuncia sull’Europa, piegata dall’avanzata nazista e dalle mire espansionistiche e folli di Adolf Hitler. Il Belgio è caduto, la Francia è stremata e l’esercito inglese è intrappolato sulla spiaggia di Dunkirk. Dopo l’invasione della Norvegia e l’evidente spregio della Germania per i patti sottoscritti con le nazioni europee, la camera chiede le dimissioni a gran voce di Neville Chamberlain, Primo Ministro incapace di gestire l’emergenza e di guidare un governo di larghe intese. A succedergli è Winston Churchill, con buona pace di re Giorgio VI e del Partito Conservatore che lo designa per soddisfare i Laburisti.

Biglietti a 5 euro.

Lascia un commento