L’albero dei destini sospesi all’Insubria

lalbero-dei-destini-sospesi-allinsubria
0 448

Proseguono mercoledì 12 dicembre nell’aula magna dell’Università dell’Insubria di Sant’Abbondio le proiezioni del ciclo La donna nella società multiculturale. Le questioni di genere nel dialogo tra le culture a cura di Barbara Pozzo e Alberto Cano in collaborazione con il Lake Como Film Festival. Il film scelto è L’albero dei destini sospesi di Rachid Benhadij.

L’albero dei destini sospesi (Italia, 1997, 96 minuti) di Rachid Benhadij con Said Taghmaoui, Giusi Cataldo e Italo Gasperini
Samir è un giovane marocchino che vive in Italia in una comunità di immigrati. È un ragazzo molto in gamba, intelligente, ma la vita che conduce gli va un po’ troppo stretta. Ma un giorno gli capita l’occasione di tornare in Marocco per portare al suo villaggio natìo soldi e regali che i suoi compagni sono riusciti a mettere da parte per le proprie famiglie. Appena partito, conosce una ragazza italiana, Maria, molto bella ma piena di problemi. I due diventano amici e alla fine Maria, anche per dimenticare tutte le sue preoccupazioni che la assillano, si lascia convincere ad accompagnare Samir in Marocco.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

 

Lascia un commento