A Parolario un Bergman… tutto da ridere

a-parolario-un-bergman-tutto-da-ridere
0 501

Parolario è anche cinema e quest’anno non manca di celebrare il centenario della nascita del grande maestro Ingmar Bergman, proponendo alcune sue opere – meno note ma non meno importanti – in linea con il tema dell’edizione, la Felicità. Se in molti dei titoli più il dramma è spesso centrale, il grande regista, sceneggiatore, drammaturgo, scrittore e produttore svedese ha realizzato anche pellicole entrate di diritto nella categoria della commedia.

Sorrisi di una notte d’estate

Si inizia il 14 giugno da Donne in attesa, film a episodi in cui le quattro protagoniste, cognate fra loro, attendono i mariti e raccontano i loro matrimoni attraverso tradimenti, conflitti e incomprensioni finché Karin (Eva Dahlbeck) confessa un inatteso ed esilarante episodio. La svolta comica nel cinema bergmaniano ha decretato il successo del film e di quello successivo – Una lezione d’amore, in programma il 16 giugno -, rivelatosi in toto commedia leggera.  Il 19 giugno sarà la volta di Sorrisi di una notte d’estate: alla sua prima collaborazione con Bergman, Bibi Andersson in un piccolo ruolo; quest’ultima è anche la protagonista, con Jarl Kulle, de L’occhio del diavolo, previsto per il 21 giugno.

A proposito di tutte queste signore

La conclusione, il 22 giugno, sarà con A proposito di tutte queste signore, film di ispirazione autobiografica nonché primo a colori di Bergman, realizzato con il leggendario direttore della fotografia Sven Nykvist. Tutte le proiezioni – a Villa Olmo in seconda serata – saranno a ingresso gratuito.

Il programma

14 giugno

Donne in attesa (Svezia, 1952, 107 minuti, b/n) di Ingmar Bergman con Eva DahlbeckGunnar Björnstrand, Carl Ström, Gerd Andersson, Björn Bjelfvenstam, Maj Britt Nilsson e Jarl Kulle

Donne in attesa: Eva Dahlbeck e Gunnar Björnstrand

Una casa in riva a un lago. Le cognate Rakel, Karin, Annette e Marta stanno aspettando i reciproci mariti. Oltre a loro sono presenti anche Erik, figlio di Annette, e Mary giovane sorella di Marta. A un certo punto Annette comincia a parlare del proprio difficile rapporto con il coniuge e viene seguita dalle altre. Nessuna di loro ha trovato nel matrimonio la felicità. I due giovani ascoltano e a loro non resta che sperare, nonostante tutto, di saper costruire un futuro migliore.


16 giugno (ore 22.30)

Una lezione d’amore (Svezia, 1954, 95 minuti, b/n) di Ingmar Bergman con Eva Dahlbeck, Gunnar Björnstrand, Yvonne Lombard, Harriet Andersson e Ake Gronberg

Tutto il cast di Una lezione d’amore

David è un ginecologo che da tempo ha una relazione con una sua paziente, la bella Suzanne, la quale ora spera nel suo divorzio dalla moglie Marianne. Il medico però non ha intenzione di procedere al passo. Anzi corre a prendere un treno su cui troverà proprio la consorte che si reca spesso a Copenaghen per incontrare il suo amante che tanti anni prima aveva lasciato praticamente davanti all’altare per stare con lui. Nel frattempo i ricordi riaffiorano.


19 giugno

Sorrisi di una notte d’estate (Svezia, 1955, 110 minuti, b/n) di Ingmar Bergman con Eva Dahlbeck, Ulla Jacobsson, Gunnar Björnstrand, Bibi Andersson e Harriet Andersson

Sorrisi di una notte d’estate: Eva Dahlbeck e Gunnar Björnstrand

Fredrik Engeman, avvocato, ha una sposa molto giovane, Anne, ed è geloso del nipote che si chiama come lui. Va a cercare consiglio dall’attrice Desirée che è stata una sua vecchia passione e in qualche misura lo è ancora. Viene sorpreso di notte a casa della donna dal suo amante, il dragone conte Malcom la cui moglie, consapevole del tradimento, andrà a riferire tutto ad Anne.


21 giugno

L’occhio del diavolo (Svezia, 1959, 87 minuti, b/n) di Ingmar Bergman con Bibi Andersson, Gunnar Björnstrand, Jarl Kulle, Stig Järrel, Nils Poppe e Gertrud Fridh

L’occhio del diavolo: Bibi Andersson, Nils Poppe e Jarl Kulle

«La verginità di una donna è un orzaiolo nell’occhio del diavolo»: così recita un detto irlandese e quando il diavolo ne soffre, a causa della giovane e bella Britt, decide di mandare sulla terra Don Giovanni assieme al fidato scudiero Pablo. La missione è semplice: sedurre la fanciulla, figlia di un pastore protestante, facendo così scomparire l’affezione oculare. Ma, al contrario delle aspettative, la figlia è meno arrendevole della madre (che interessa a Pablo) e l’amore è in agguato.


22 giugno

A proposito di tutte queste signore (Svezia, 1964, 80 minuti, col.) di Ingmar Bergman con Bibi Andersson, Harriet Andersson, Eva Dahlbeck, Allan Edwall, Jarl Kulle e Axel Düberg

Ingmar Bergman sul set di A proposito di tutte queste signore

Negli anni Venti, Cornelius, un critico musicale, si reca nella villa estiva di Felix, celeberrimo violoncellista, al fine di ultimarne la biografia. Sebbene incontrare l’oggetto del suo lavoro si riveli difficile quando non impossibile, l’eccessivo e borioso esegeta instaurerà rapporti di varia natura con il gineceo di cui pullula la splendida casa neoclassica: incontrerà la moglie e sei donne, tutte innamorate del maestro, continuando a sperare che Felix stesso voglia eseguire, in un imminente concerto, la sua composizione, Il canto del pesce.

Le proiezioni si terranno a Villa Olmo alle 22 circa, salvo diversamente indicato.

 

Lascia un commento