Ultimo giorno per Occupy San Teodoro

occupy-san-teodoro
0 1636

Ritorna, dopo il successo della prima edizione, nel 2015, Occupy San Teodoro la simbolica “occupazione” del teatro comunale di Cantù, che prevede tante iniziative diverse e per tutti i gusti. Da domenica 11 settembre, fino a domenica 18, nella sala di via Corbetta, 7, si susseguiranno spettacoli, laboratori, eventi particolari, a ingresso libero. L’intento degli organizzatori è quello di regalare alla cittadinanza un palcoscenico aperto. L’ultimo giorno di open day, domenica 18 settembre, sarà inaugurato dalla consueta merenda e dai laboratori per bambini, aperitivo. Si consiglia di iscriversi ai laboratori e alle lezioni, con mail a maddalena.massafra@mondovisione.org.

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/14333687_1055431474574395_1665076559130147920_n.jpg?oh=ab023399e516157c76ec302b5747c512&oe=5874839B
Alle 21 la compagnia teatrale Ibuka Amizero presenta La Banda Doucement in Tante storie… poco tempo con Luisa Marzorati, Mariaester Cassinelli, Monica Bonaldo e Sara Pontiggia. Regia di Matteo Destro
C’è un motto, forse il più conosciuto, per cui Langer viene spesso citato: Lentius, Profundius, Suavius, ovvero più lento, più profondo, più dolce, in contrapposizione con l’olimpico Citius! Altius! Fortius!, cioè più veloce, più alto, più forte. Queste parole sono come una carezza, continuano a stupire, hanno una potenza visionaria che ti invita a fermarti tutte le volte che le senti. Dopo un percorso teatrale che ha preso a cuore l’Africa, il Caucaso, la Palestina e il fenomeno immigrazione, ecco noi, il nostro stile e modo di vita. Il testo teatrale nasce dalla raccolta delle testimonianze di amici e delle loro risposte alle domande. La fretta, l’ansia di prestazione, gli impegni… La chiamano efficienza o modernità. Ma si può spegnere la tecnologia e sedersi davanti alla finestra per osservare i colori dell’autunno o fermarsi davanti a una violetta che ci avvisa della primavera. Prendiamo fiato, cambiamo passo. Fino a trovare ciascuno il nostro. Invece di sognare giornate di 30 ore, proviamo a rallentare. E a guardarci negli occhi. Viviamo in un modo e mondo veloce, ma il cervello è una macchina lenta. E il cuore ha bisogno tempo per assaporare.
In occasione dello spettacolo verranno raccolte delle offerte per l’associazione Amici dell’Ecuador, che si occupa di sostenere le popolazioni colpite dai terremoti in Ecuador (aprile 2016) e in Italia (agosto 2016).

Lascia un commento