Solfrizzi recita Molière al Sociale

solfrizzi-recita-moliere-al-sociale
0 1002

È la volta della commedia classica, venerdì 3 e sabato 4 marzo al Teatro Sociale di Como. Alle 20.30, va in scena Il borghese gentiluomo di Molière, con la regia di Armando Pugliese. In scena, un cast numeroso e adatto a una produzione importante. Il pubblico potrà applaudire Viviana Altieri, Anita Bartolucci, Fabrizio Contri, Cristiano Dessì, Lisa Galantini, Lydia Giordano, Simone Luglio, Elisabetta Mandalari, Roberto Turchetta. Il primo attore sarà, poi, un volto molto noto soprattutto nel mondo della fiction televisiva e del cinema. Parliamo di Emilio Solfrizzi, interprete brillante, chiamato a rivestire il ruolo del Signor Jourdain, protagonista del testo di Molière.

Come in altri suoi lavori celeberrimi, il drammaturgo del Re Sole mette al centro della scena un uomo ingenuo e fatuo, le cui smanie di gloria e successo vengono sfruttate da profittatori e scrocconi di ogni sorta. Il Signor Jourdain è ricco e agiato ma, come molti, non riesce ad accontentarsi della propria condizione. Smania per salire agli onori della nobiltà e farebbe di tutto per coronare il proprio sogno. Per far questo, si circonda di personaggi equivoci che dovrebbero assicurargli una formazione adeguata per far parte, senza sfigurare, dell’aristocrazia. Ci sono il maestro di scherma, di ballo, di filosofia e quello di musica. Tutti mirano a spolpare le ricchezze del vanitoso sognatore e sono rivali tra loro per conquistare la fiducia (e il denaro) dello sciocco Jourdain. Provvidenziale il ruolo femminile. La moglie del borghese protagonista, affiancata dalla saggia servetta Nicoletta, cercherà di far riacquistare buon senso al marito. Come fare per evitare che Jourdain non si riduca sul lastrico?

Si mette in scena una spassosa farsa, tra travestimenti, equivoci, amori e pasticci. Per lo spettatore, un meccanismo perfetto che, a distanza di secoli, non smette di divertire e di catturare con i suoi semplici ma calibratissimi ingredienti. Solfrizzi, caratterizzato da una vis comica molto spiccata e contagiosa, dà vita a un personaggio simpatico nelle sue manie e nella sua inconsapevolezza. Del resto, i protagonisti – vittime delle commedie di Molière non sono altro che degli specchi in cui possiamo vedere riflessi, con indubbio effetto “catartico” i nostri stessi vizi e le nostre poche virtù. Le risate sono assicurate. Lo spettacolo si avvale delle scene di Andrea Taddei e dei costumi di Sandra Cardini.
Biglietti a 27 euro (platea e palchi), a 19 euro (IV galleria, parapetto), 17 euro (V galleria, parapetto), 15 euro (IV galleria, ranghi) e 13 euro (V galleria, ranghi). Informazioni e prenotazioni: www.teatrosocialecomo.it, 031270170 e biglietteria@teatrosocialecomo.it.

Lascia un commento