Perpetuum Carmen, i ragazzi del Ciceri in scena al Sociale

perpetuum-carmen-i-ragazzi-del-ciceri-in-scena-al-sociale
0 1238

Una serata di teatro e di festa, con tanti ragazzi impegnati come protagonisti, è in programma domenica 14 maggio alle 20.45 al Teatro Sociale di Como. Va in scena Perpetuum Carmen, allestimento tra teatro e musica, realizzato dal Liceo Teresa Ciceri di Como.

Lo spettacolo, che si propone di riscrivere con il linguaggio contemporaneo, un capolavoro classico come le Metamorfosi di Ovidio, segna il decimo anno di attività dei laboratori artistici del Ciceri.

Dall’ormai lontano 2008, è attivo il progetto, coordinato da Mariapia Roncoroni, che ha portato gli studenti dell’istituto superiore a confrontarsi con il teatro, la musica e il canto.

Un’esperienza preziosa, da festeggiare. Sul palco, infatti, saliranno l’Orchestra e il Coro del Liceo Musicale, diretti rispettivamente da Mario Gerosa e da Tiziana Fumagalli e gli attori del Laboratorio pomeridiano di teatro, sotto la guida, ormai consolidata di Elisa Carnelli. Mentre gli spettatori assisteranno alla prova di attori, musicisti e coristi, potranno pensare al lungo lavoro compiuto.

Un lavoro che ha coinvolto, in dieci edizioni, circa cinquecento ragazzi e ragazzi. Nei lunghi mesi dell’anno scolastico, gli studenti integrano lo studio con la partecipazione ai laboratori. Il risultato sono stati, negli anni, tanti spettacoli: da Oz che segnò il debutto, a Memoria 3X2, Falstaff reload, La conta delle stelle e ancora AAA bellezza cercasi, del 2012, Dentro, fuori, Novellando, novellando…, …E i cocci… e infine, nel 2016 Shakeshadows.

In tutti gli allestimenti, l’originalità la fa da padrona, con le musiche, ad esempio, completamente originali e composte ad hoc da Antonello Rizzella.

La novità di quest’anno è un ulteriore laboratorio, quello di fotografia, che ha lavorato in modo sinergico con il laboratorio di scenografia, diretto da Stefano Palumbo, per realizzare foto e video dello spettacolo.

Anche quest’anno è stato importante il sostegno del dirigente scolastico Nicola D’Antonio e della Dsga, Maria Castellano. L’ingresso è libero.

Lascia un commento