La tragedia di Samia: atleta, migrante, vittima

al-sociale-la-tragedia-di-samia-atleta-migrante-vittima
0 823

Appuntamento importante, martedì 28 marzo al Teatro Sociale di Como. Alle 20.30 va in scena lo spettacolo 32″16 Trentadue secondi e sedici, di Michele Santeramo. Torna, nella sala comasca, la compagnia milanese Atir Teatro Ringhiera, con la sua personalità di punta: Serena Sinigaglia. Il pubblico nostrano conosce bene la vulcanica regista che, anche a noi, ha regalato pagine importanti, sia nell’ambito della prosa (rileggendo, nel suo modo spesso caustico, i grandi classici o aprendo nuovi punti d’osservazione della realtà, con la nuova drammaturgia) che della lirica. Sua infatti la regia di un’indimenticata Cavalleria rusticana per 200.Com, nel 2014. Qui la direttrice artistica di Atir firma la regia di uno spettacolo che vede in scena il talentuoso Tindaro Granata, e le altrettanto brave Valentina Picello e Chiara Stoppa. Le musiche sono di Silvia Laureti, le luci di Sarah Chiarcos e i video di Elvio Longato.

Tindaro Granata, Valentina Picello e Chiara Stoppa

La vicenda narrata sulla scena non è frutto di invenzione ma è tratta da un evento realmente accaduto e doppiamente tragico. Si racconta l’esperienza biografica breve ma intensissima di Samia Yusuf Omar, una giovane atleta somala che, nel 2008, partecipo alle Olimpiadi di Pechino. Sembrava destinata a un futuro sportivo importante e sognava di partecipare alle Olimpiadi di Londra. Nel 2012 però, la sua vita è stata spezzata. Cercando un futuro migliore infatti, la giovane atleta si era imbarcata per uno dei cosiddetti “viaggi della speranza”, finito in naufragio, nelle acque del Mediterraneo, sempre più trasformate in cimitero. La tragica vicenda di una sola persona diventa anche esempio di una catastrofe epocale, un monito per tutti noi e uno specchio in cui riflettere e rifletterci. Conoscendo il teatro di Serena Sinigaglia, dobbiamo aspettarci una serata intensa ed emozionante, basato sulla forza di una storia che colpì molto l’opinione pubblica all’epoca dei fatti ma anche sul pathos delle parole di Michele Santeramo. Biglietti a 20 euro. Info: www.teatrosocialecomo.it.

(Foto di Serena Serrani)

Lascia un commento