La pena di morte non è ammessa

0 755

Nel 2017, in novanta Stati al mondo la pena di morte è ancora prevista dal codice penale, in 58 di essi è utilizzata come normale forma di punizione legale, anche per reati comuni. In sette Stati essa è ammessa solo in circostanze eccezionali, come i crimini commessi in tempo di guerra. I metodi di esecuzione sono diversi: la fucilazione, l’impiccagione, la decapitazione, il colpo alla nuca, la lapidazione, la caduta nel vuoto, la camera a gas, la sedia elettrica e l’iniezione letale.


La lettura scenica Non è ammessa, su testo di Giuseppe Battarino, tratto in parte da L’ultimo giorno di un condannato a morte di Victor Hugo e integrato con brani giuridici tratti da codici penali del passato e del presente, si propone di riflettere sulla morte come pena, sui suoi risvolti psicologici, giuridici e sociali, anche attraverso il richiamo al percorso storico che ha portato l’Italia alla sua abolizione. Si svolgerà a Como venerdì 31 marzo, alle 18.30, nella sede della Fondazione Castellini in via Sirtori 10, in collaborazione con il Coordinamento comasco per la pace. Leggeranno Virginia Sidoti, Clara Latorraca e Pietro Cerchiello. Sono anche previsti interventi degli studenti della Castellini e del Coordinamento.

Lascia un commento