In bocca al lupo! Al Teatro Sociale ha un altro sapore

in-bocca-al-lupo-al-teatro-sociale-ha-un-altro-sapore
0 1355

In bocca al lupo! Quante volte sentite dire questo augurio? Vi fa piacere o vi crea un’irrefrenabile ansia?

in-bocca-al-lupo-al-teatro-sociale-ha-un-altro-sapore

Personalmente non amo molto le locuzioni, le frasi fatte o i vari detti apotropaici, ma nel caso specifico “In bocca in lupo” per me ha un significato particolare, a cui sono affezionata per una ragione che ha origine proprio qui al Teatro Sociale di Como, dove ho la fortuna di lavorare. Come molti di voi sapranno in teatro esistono delle convenzioni peculiari che perdurano dalla notte dei tempi, ma non tutti sanno che qui al Teatro Sociale viene portato uno speciale “In bocca al lupo” in dono agli artisti e alle compagnie che si esibiscono in teatro, come gesto beneaugurante e anche come gesto di benvenuto e di gentilezza da parte del teatro.

Prima di ogni spettacolo, quindi, qualsiasi cosa io stia facendo, interrompo tutto per compiere questo rito, o come lo si voglia chiamare: un augurio consistente in una cartella stampa, il biglietto d’auguri firmato dal nostro Presidente e naturalmente dolci e stuzzichini che sono sempre molto apprezzati!

Gli artisti sono persone insolite e speciali, ognuna fatta a suo modo, ma devo dire che sono tutti molto contenti quando ricevono in dono il nostro “In bocca al lupo”! In una settimana, ad esempio, l’ho consegnato ai talentuosi ed estrosi musicisti di PaGAGnini, capitanati dal violinista armeno Ara Malikian. Da bravi spagnoli quali sono, hanno manifestato il loro entusiasmo appena hanno capito che il nostro augurio recava con sé anche del cibo, e mi hanno “costretto” a mangiare i biscotti con loro. È un duro lavoro d’altronde ma qualcuno lo deve pur fare!

in-bocca-al-lupo-al-teatro-sociale-ha-un-altro-sapore

in-bocca-al-lupo-al-teatro-sociale-ha-un-altro-sapore

La simpatica Virginia Raffaele, che ha portato a teatro il suo spettacolo comico Performance, ha accettato anche lei volentieri il nostro “In bocca al lupo”, ma non conosco l’esito della consegna… li avrà mangiati i dolci? O li avrà regalati ai ragazzi della troupe? Non è dato sapere. Intanto però mi ha fatto curiosare tra i suoi look e costumi di scena: per me ha vinto il micro-tubino tempestato di strass con cui impersona Belèn naturalmente! Avevamo dei dubbi?!

Ma è sempre più divertente e gratificante quando gli artisti non si aspettano minimamente questo piccolo gesto e ne rimangono colpiti e piacevolmente sorpresi: mi è accaduto con i bravissimi interpreti del musical Grease, portato in scena dalla Compagnia della Rancia. Gli attori e i cantanti sono stati tanto professionali e preparati quanto semplici dal punto di vista umano: hanno accolto il nostro rito felicissimi, e credo che i biscotti non abbiano avuto mai così vita breve… perché va bene nutrire lo spirito con l’arte del teatro, ma nutrire anche lo stomaco non guasta mai!

Tra poco inizierà il Festival estivo all’Arena del Teatro Sociale e avremo in cartellone varie personalità importanti e altrettanto singolari… Il nostro “In bocca al lupo” finirà a tarallucci e vino? Vi saprò dire! Intanto vi regalo un po’ di scatti dietro alle quinte…

Lascia un commento