Che opera si canterà l’estate prossima? Si scioglie il mistero

0 551

Quella di lunedì 24 ottobre sarà una serata speciale per tanti comaschi. Per tutti quelli che, nei quattro anni passati, sono entrati a far parte del Progetto 200.com, nato per celebrare il bicentenario del Teatro Sociale e sfociato in una serie di grandi rappresentazioni estive che hanno lasciato il segno. I Carmina Burana di Orff nel 2013, l’anno della ricorrenza, Cavalleria rusticana di Mascagni, Pagliacci di Leoncavallo, Elisir d’amore di Donizetti nei successivi e… E? Il 24 verrà sciolto il riserbo sul melodramma che verrà rappresentato nel 2017, previo il lungo periodo di prove, nella decima edizione del Festival Como città della musica (e anche quella del primo decennale è un’altra ricorrenza importante). Per scoprire quale sarà il titolo dell’opera su cui si “alleneranno” centinaia di comaschi, e il coro sarà irrobustito dalle “nuove leve” reclutate nelle ultime audizioni il 2 ottobre scorso, basta presentarsi al Teatro Sociale alle 20.30.

Interverranno il presidente Barbara Minghetti, il presidente della Società dei palchettisti Francesco Peronese e Carla Moreni, critico musicale de Il Sole 24 Ore. A seguire, come è consuetudine inizieranno immediatamente i laboratori con i maestri del coro Giuseppe Califano e Mariagrazia Mercaldo. Da lì ci saranno le prove (ogni lunedì sera, se il programma resta invariato lo stesso rispetto agli altri anni) che si susseguiranno fino all’arrivo dell’ambitissima “prima”. Un’emozione unica per chi fa parte del coro, che si ritrova proiettato al centro della scena, coinvolto in prima persona nella produzione, ex novo, di una “macchina” meravigliosa e complessa quale è un’opera lirica, ma anche per un pubblico che raduna amici e parenti curiosi di ritrovare i propri amici e cogiunti dall’altra parte del teatro.

Lascia un commento