Batta a Rebbio per Kibarè

batta-a-rebbio-per-kibare
0 835

La simpatia di Claudio Batta sarà di scena a fini benefici, al Teatro Nuovo di Rebbio venerdì 23 settembre. A favore di uno dei progetti di Kibarè onlus, il popolare comico, noto anche al pubblico televisivo, presenterà, alle 21, Da quando ho famiglia sono single, il suo più recente spettacolo/monologo. Come detto, oltre al piacere di ridere su temi non banali, ci sarà l’opportunità di dare un aiuto concreto a chi ha di meno. Tutti i proventi della serata saranno devoluti al completamento del progetto nutriAmo, che prevede la realizzazione di un centro di nutrizione per mamme in gravidanza e bambini fino ai 5 anni di età nel villaggio di Bilogo in Burkina Faso. Kibarè onlus lavora da tempo a questo sogno, in una realtà dove, con un’altra ong italiana è stato realizzato un centro sanitario. Per dare una mano, ecco quindi il teatro che si mette al servizio della solidarietà. Batta arriva con un gustoso spettacolo sul tema dell’avere figli e sui mille teneri grattacapi che i simpatici pargoletti creano ai sempre più ansiosi genitori. Per informazioni e prenotazioni telefonare al  3665004157 o scrivere a info@kibareonlus.org.

Cosa c’è di più bello che avere un figlio? Niente, salvo, forse, avere un figlio che nasce già educato. Perché la grande gioia del nuovo arrivo, piano piano, si stempera col crescere delle responsabilità educative. Il genitore si chiede continuamente sarà giusto quello che faccio? mia madre faceva cosi, il pediatra dice il contrario e io faccio come mi dice la portinaia che ha cinque figli. Poi crescono, diventano adolescenti e allora tutti consigliano di usare il dialogo per mantenere l’armonia tra genitori e figli. Ma tutti sanno che parlare con un adolescente è difficile… è più facile parlare col servizio clienti di fastweb. È dura, discutere col proprio figlio quando poi ti risponde «Guarda che non sono mica stato io a chiedere di venire al mondo!». Il genitore è un mestiere che si impara facendolo e spesso sono gli errori che insegnano più dei consigli. Poi, per aiutarti ad educare (si fa per dire) ci sono: la scuola, gli amici, i nonni la tv e le tate. Tutte figure che se una coppia le valutasse per quelle che sono, alla domanda: «Facciamo un figlio?», la risposta sarebbe sempre «Prendiamo un cane!»…

Lascia un commento