Applausi al Sociale per la brillante Traviata di Riondino e Vergassola

0 799

Il giusto mix tra lezione, lettura e arie d’opera; il tutto condito da battute – a ritmo piuttosto sostenuto- e “divagazioni” comiche. Un’ora e mezza in cui Riondino racconta la storia di Marguerite Gautier, la protagonista de La signora delle camelie e la sua tragica storia d’amore con Armando Duval. Il romanzo di Alexandre Dumas figlio fu poi lo spunto per La Traviata di Verdi e Piave («Verdi scriveva e il Piave…mormorava!», uno degli esempi del tenore dello spettacolo), le cui arie più famose fanno da intermezzo musicale che coinvolge ed emoziona il pubblico. Un’alternanza di comicità – divertentissima l’interpretazione di Vergassola del padre di Armando- e dramma, immersi nelle atmosfere della Parigi ottocentesca, descritta benissimo nella vita della protagonista; la sua vita da cortigiana trascorre tra teatri, cene e balli di società, lusso e debiti, a cui rinuncia per amore, almeno fino al triste epilogo.

David Riondino e Dario Vergassola

Il pubblico del Teatro Sociale applaude a musicisti e soprano, ride e sorride agli scambi tra i due protagonisti, a tratti anche frutto di improvvisazione, si emoziona al racconto dei momenti più commoventi della storia. Uno spettacolo originale, non banale, che in me ha stimolato la voglia di rileggere il romanzo e scoprire l’opera.

Lascia un commento