Al Sociale il successo inarrestabile di Caveman

al-sociale-il-successo-inarrestabile-di-caveman
0 742

Con un’innegabile vena ironica, il Teatro Sociale di Como propone, per la serata dell’8 marzo, festa della donna, uno spettacolo esilarante, famoso in tutto il mondo, basato sul tema più eterno: il rapporto di coppia. Parliamo di Caveman, allestimento cult di Rob Becker, messo in scena in tutto il globo terracqueo. Naturalmente, al Sociale vedremo la versione italiana, giunta, con immutato successo, alla sesta annata di repliche. La regia è firmata da Teo Teocoli, mentre, a interpretare lo spumeggiante one man show, salirà l’attore siciliano Marco Cavallaro, che raccoglie il testimone dal “titolare” Maurizio Colombi. «Ho già interpretato Caveman qualche anno fa – spiega – e tornare sul palco per questo ruolo è davvero un invito a nozze, per me! Non vedo l’ora di essere a Como, in quel meraviglioso teatro, per di più nella serata della festa della donna. Ci saranno molte sorprese!». Il segreto di Caveman, soprattutto per quanto riguarda la versione nostrana, è la possibilità di improvvisare e di adattare lo spettacolo alle diverse serate e al pubblico. «In tutto il mondo – continua l’attore – il monologo ha il medesimo plot. Poi, viene declinato a seconda dei gusti, del ritmo, della vis comica locale». Quale potrebbe essere dunque il “modello” seguito da Teocoli & C.? «Il riferimento è la comicità della Commedia dell’Arte e dei guitti del Cinquecento – commenta Cavallaro – Al Sociale, il pubblico sarà coinvolto, attraverso improvvisazioni che sorprenderanno anche chi ha già visto lo show. In più, la nostra comicità è pungente, addirittura cattivella. Ma il pubblico gradisce sempre».

Al centro dei siparietti, delle gag comiche ci saranno sempre loro, l’uomo e la donna, con le schermaglie, l’attrazione, le incomprensioni e i comportamenti, coerenti o incoerenti che siano. «Lo spettacolo ha sempre successo perché parla di noi. Tutti si riconoscono nei comportamenti che vengono messi alla berlina. In particolare, sono le donne a divertirsi di più e la cosa più strana è che le vedo ridere fino alle lacrime per battute terrificanti sul loro conto, riconoscendo i propri difetti». Insomma, una sorta di terapia… «Certo – esclama l’interprete – Una seduta di autocoscienza da fare rigorosamente in gruppo! Credo infatti che nessuna donna riderebbe da sola, di fronte a certe punzecchiature…». E gli uomini? «Noi siamo rimasti davvero alle caverne. Ci divertiamo, sì, ma in modo più semplice. Credo che il pubblico ideale di Caveman sia al femminile». Il Sociale fa anche un altro regalo alle signore. Tutte coloro che assisteranno a Caveman potranno recarsi in biglietteria con il tagliando dello spettacolo e acquistare un biglietto per L’allegra vedova, con Maddalena Crippa in scena il 17 marzo, a prezzo ridotto.

Biglietti a 27 euro (platea e palchi), a 19 euro (IV galleria, parapetto), 17 euro (V galleria, parapetto), 15 euro (IV galleria, ranghi) e 13 euro (V galleria, ranghi). Informazioni e prenotazioni: www.teatrosocialecomo.it, 031270170 e biglietteria@teatrosocialecomo.it.

Lascia un commento